Domenica, 27 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Trovati resti umani a Caronia, compatibili con Gioele: necessario l'esame del Dna
CARONIA

Trovati resti umani a Caronia, compatibili con Gioele: necessario l'esame del Dna

di

Trovati resti umani nelle campagne di Caronia. Sarebbero compatibili con quelli del piccolo Gioele Mondello. Il luogo si trova a circa 200 metri dall'autostrada Messina-Palermo dove Viviana Parisi e il figlioletto sono stati visti per l'ultima da un testimone, dopo un lieve incidente.

La segnalazione è arrivata da uno dei tenti volontari che questa mattina si sono incontrati nelle campagne di Caronia per trovare Gioele. In particolare le tracce sono state trovate da un ex carabiniere di Capo d’Orlando.

Secondo le prime informazioni sul posto sono stati trovati alcuni resti ossei e tracce di indumenti, sembrerebbe una magliettina, compatibili con quelli indossati dal piccolo Giole che adesso verranno mostrati ai familiari del bimbo. Per raggiungere il luogo del ritrovamento è stata necessaria una opera di pulitura e discerbamento del luogo, coperto da una fitta vegetazione e da numerosi arbusti.

Caronia, il corpo straziato fra i rovi: le foto del luogo del ritrovamento

Si sono recati anche i familiari del piccolo: il padre Daniele Mondello, la zia Mariella e il nonno paterno Letterio. A loro stanno per essere mostrati gli indumenti strappati, tra cui una magliettina, che potrebbero costituire la conferma del tragico ritrovamento. Sul posto si trovano anche il Procuratore di Patti Angelo Cavallo, che coordina le indagini, due medici legali, la polizia scientifica, uomini della Protezione Civile e le squadre dei vigili del fuoco. La zona è stata inibita all'ingresso dei giornalisti e della folla di volontari e curiosi.

Sarà necessario l'esame del Dna per avere la conferma definitiva che i resti ossei trovati a circa 200 metri dall'autostrada Messina-Palermo appartengano al piccolo Gioele.

I resti sarebbero stati straziati dagli animali selvatici che li avrebbero trascinati all'interno di una fitta radura, tra la boscaglia che circonda la zona, a circa 700 metri di distanza dal traliccio ai piedi del quale è stato scoperto il cadavere della donna. I familiari del bimbo non sono stati fatti avvicinare al punto esatto dove è ancora in corso il sopralluogo da parte dei due medici legali e della scientifica, sotto la supervisione del Procuratore Cavallo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook