Domenica, 24 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "T'ammazzo, t'ammazzo". Colpi d'accetta al sindaco Merlino, il racconto: "Ho vissuto un incubo"
LA TESTIMONIANZA

"T'ammazzo, t'ammazzo". Colpi d'accetta al sindaco Merlino, il racconto: "Ho vissuto un incubo"

di
"Era già buio quando ho visto un'auto che mi inseguiva in maniera insistente..." racconta il sindaco di Rometta

«Ho vissuto un incubo e ho temuto il peggio per la mia vita. Ho visto la morte con gli occhi». Il sindaco di Rometta Nicola Merlino racconta così l'aggressione subita venerdì scorso, una volta rientrato a casa dopo essere stato dimesso dall'ospedale, con una prognosi di 30 giorni.

Il dolore fisico è forte a tal punto da non consentirgli nemmeno di riposare. Le notti sono insonni e il ricordo dell'aggressione, che ha definito come «un'azione premeditata», è impresso come inchiostro indelebile tra le pareti della sua mente. C'è però tanta forza di reagire e di riprendere in mano le abitudini, gli impegni e il lavoro che, ogni giorno, fanno di Nicola Merlino un infaticabile professionista e amministratore.

La ricostruzione di quei momenti vissuti in contrada Conduri è precisa. Nei ritagli di tempo, il sindaco si dedica alla cura dei terreni di sua proprietà. «Quel pomeriggio, intorno alle 17, mi sono recato nella mia campagna in località Marro - racconta il sindaco - D'altronde, con questo caldo le piantine hanno bisogno di acqua e non voglio che soffrano. Al termine sono risalito in macchina per rientrare a casa, percorrendo contrada Conduri. Era già buio quando ho visto un'auto che mi inseguiva in maniera insistente». È a quel punto che Merlino ha intuito che da lì a poco sarebbe stato tamponato e così è stato. «Sono sceso dalla macchina - prosegue il sindaco - e l'uomo mi è venuto incontro con un'accetta in mano impugnata verso di me.

Da lì, ha iniziato a urlare "ti ammazzo, ti ammazzo" e nel contempo ha sferrato i violenti colpi». Il primo cittadino di Rometta si è difeso con il braccio, ammortizzando la botta. Alla minaccia dell'aggressore «se non te ne vai ti ammazzo», il sindaco è riuscito a risalire in macchina e a ripartire.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud- edizione Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook