Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Omicidio in Inghilterra: assassinati due fidanzati di Messina. Un fermo

Omicidio in Inghilterra: assassinati due fidanzati di Messina. Un fermo

di

Sono di Nino Calabró e Francesca Di Dio, lui di Barcellona Pozzo di Gotto, lei di Montagnareale, i corpi senza vita ritrovati all'interno di un'abitazione di Thornaby-on-Tees, comune di 24.741 abitanti nella contea del NorthYorkshire. Fidanzati dal settembre 2019, si trovavano in Inghilterra, dove Nino - 25 anni - aveva trovato lavoro come croupier al Grovesnor Casinò di Stockton. Francesca, 20 anni, l'aveva raggiunto per trascorrere insieme le festività natalizie. Spesso la ragazza andava a trovare il fidanzato e probabilmente nelle sue intenzioni c'era di trasferirsi a breve in Inghilterra. Da due giorni i fidanzati non rispondevano alle telefonate dei genitori e questo aveva fatto scattare l'allarme. A trovare i corpi senza vita di Nino e Francesca sono stati alcuni amici. Nel frattempo è stata avviata un'indagine per omicidio dopo il ritrovamento dei due corpi intorno alle 14 di ieri.

Al momento si trova in stato di fermo un ragazzo di 21 anni, A.C., un giovane palermitano (con problemi psichici), arrestato dalla polizia locale con l'accusa di omicidio. Dovrebbe essere un vicino di casa di Nino o addirittura un coinquilino. Nino sempre sorridente, aveva anche giocato a Rugby con le Aquile del Tirreno. La ragazza aveva, invece, lasciato l’istituto d’arte e studiava da estetista.

Poche ore fa i media britannici hanno diffuso le dichiarazioni dell'ufficiale investigativo Peter Carr: “Un uomo e una donna sono purtroppo morti e un uomo rimane in custodia di polizia in relazione all'incidente. “Vorrei rivolgere un appello a chiunque sia passato davanti agli appartamenti di Thornaby Road, precedentemente noto come The Royal George Pub, tra le 10:00 e le 11:00 di mercoledì 21 dicembre. Se qualcuno stava passando e ha visto qualcuno agire in modo sospetto o qualsiasi attività sospetta, per favore ci contatti".

Il 7 dicembre scorso, nel loro ultimo post su Facebook, facevano un occhiolino verso l’obiettivo dello smartphone e nell’ultimo «boomerang» - un video breve che si ripete in loop -, girato nel pub The Thomas Sheraton, Francesca scriveva di essere innamorata. A corredo del post quattro cuori.

Francesca, che aveva lasciato gli studi all’Istituto d’arte, era andata a trovarlo per le vacanze natalizie. Non era la prima volta: alcuni mesi fa era volata in Inghilterra e aveva trovato un lavoro stagionale in un ristorante. A Montereale, poco meno di mille abitanti, la conoscevano tutti. La sua famiglia, il papà Giuseppe e la mamma Anna Niosi (tornata a Montagnareale dalla Svizzera, dove era emigrata coi genitori in giovane età), non vive nell’agiatezza: lui passa da un lavoro all’altro; lei si dà da fare con lavoretti domestici presso alcune famiglie del luogo. I vicini di via Vespri li descrivono come persone dignitose e perbene. «Siamo sconvolti. Francesca era una ragazza allegra, simpatica. Era andata da Nino per passare con lui qualche giorno. Dovevano tornare in Sicilia insieme per le vacanze - dice un’amica della ragazza - Erano innamoratissimi". I genitori dei ragazzi sono già partiti per l’Inghilterra, mentre il consolato d’Italia a Manchester, guidato dal console Matteo Corradini, tiene i contatti con le autorità investigative locali e con i familiari delle due ragazzi, per offrire loro assistenza. I parenti e gli amici, quelli che restano in Sicilia, vivono lo sgomento per l’accaduto. Il sindaco di Milazzo, Pippo Midili, è attonito: «Non ci sono parole per descrivere una morte così drammatica». E non trova parole neanche il nonno della ragazza, che stamane era a Montagnareale, al bar, e scherzava chiassosamente con gli amici di sempre. Poi è arrivata la notizia ed è calato il silenzio.

Adesso sulle stesse loro pagine sono tantissimi i post di incredulità e rabbia. "Riposa in pace fratello" scrive Mirko Mandanici. Mentre Giuseppe Torre aggiunge: "Mio fratello ti adorava come anche molti di noi... Riposa in pace caro Nino Calabrò ti ricorderemo sempre!". Carmelina De Pasquale commenta: "Non ci sono parole, tanta rabbia e dolore per due ragazzi che voleva solo vivere tranquilli e lavorare in un paese straniero, perché da noi è dura". "La cosa che ricorderò sempre di te è il sorriso, sorridevi sempre. Fai buon viaggio Nino" scrive Mary Conci Fazio. Reazioni anche in Inghilterra: "RIP Nino amico mio, ci mancherai molto e mancherai davvero a un sacco di persone!" sottolinea Cameron Harbron. "Non riesco a crederci... Nino Calabrò riposa in pace uomo.. Non riesco a credere che stavo parlando con te solo domenica, mi mancherai un sacco - eri così divertente lavorare con te" di Bobbie Caitlin Davidson.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook