Venerdì, 20 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA QUERELLE

Le isole pedonali dividono ancora i commercianti di Messina

di

Le isole pedonali continuano a dividere e i primi a spaccarsi sono proprio i commercianti di Messina. Anche se non siamo a Natale, periodo clou del dibattito, l'avvicinarsi della presentazione del Piano generale del traffico alla città fa scattare gli attriti.

Nei giorni scorsi, l'associazione Messina Incentro ha proposto di riaprire al traffico veicolare piazza Cairoli dal lunedì al venerdì e istituire l'area pedonale solo nei fine settimana. Questo perché, ha detto il presidente di Messina Incentro Lino Santoro, i negozi stanno vivendo una grave crisi per la chiusura al traffico di quella che definisce non un'isola ma una strada chiusa.

La risposta arriva dall'associazione Millevetrine, che da 15 anni chiede invece la pedonalizzazione della limitrofa via dei Mille. Il presidente Sandro Penna sottolinea come la chiusura al traffico sia stata chiesta da più parti.

A fine mese, riporta la Gazzetta del Sud in edicola, gli esperti incaricati dal Comune dovrebbero presentare la prima stesura del nuovo Piano urbano generale del traffico che contiene i termini generali per la realizzazione di isola pedonali che poi sarebbero definiti dal piano della mobilità sostenibile. Nella fase partecipativa della stesura del Piano, Millevetrine propose di pedonalizzare le ultime isole natalizie: la via dei Mille, fra le vie Cannizzaro e Manara; le vie XXVII Luglio, Dogali e Fabrizi, fra la vie Risorgimento e dei Mille; le vie Pellegrino e Camiciotti (Risorgimento-viale S. Martino).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook