Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA STORIA

Libri, quando Simenon attraversò lo Stretto di Messina

di
libri, George Simenon, Messina, Sicilia, Cultura
foto pixbay

Immaginate di poter mollare tutto, sciogliere gli ormeggi e salpare. Imbarcarvi su una goletta e lasciare a casa smartphone e notebook, far provviste per la cambusa, tracciando una rotta che attraversa il Mediterraneo, potendo contare solo sul vento, sul mare e sulla vostra voglia di libertà. Chi vorreste al vostro fianco in questo viaggio? Gli scrittori sono spesso misantropi - un po' per carattere, un po' per mestiere - e nel lontano 1934, con il desiderio di prendersi una pausa da tutto e al contempo riflettere su cosa sia davvero il Mediterraneo - restando spesso «con la penna a mezz'aria, in seria difficoltà» - Georges Simenon decise di prendere il mare. Un viaggio mica da ridere, da Porquerolles alla Tunisia passando dall'Elba, lambendo lo Stromboli, proseguendo per Messina, Siracusa e Malta, cercando nel rollio delle onde l'ispirazione per una serie di articoli che aveva già venduto, proprio per finanziare l'impresa. Del resto, il prolifico romanziere, l'autore de “L'uomo che guardava passare i treni”, “Tre camere a Manhattan”, nonché creatore dell'ispettore Jules Maigret, si era sbarazzato ben presto del timore della pagina bianca.

A trent'anni dalla morte dell'autore belga, tradotto da Giuseppe Girimonti Greco e Maria Laura Vanorio, Adelphi pubblica “Il Mediterraneo in barca”, un delizioso libro di viaggio in cui Simenon scrive cose che sembrano fotografare i nostri giorni: «Esistono persone che vengono fatte rimbalzare da una frontiera all'altra come palline da ping-pong […] il Mediterraneo è la gente che muore di fame alle pendici del Partenone e gli imbecilli che si suicidano a Montecarlo».

Così scrive nel suo reportage originariamente pubblicato sul settimanale “Marianne” fra giugno e settembre del 1934.

Trovarsi a divagare, penna in mano e in alto mare, è scontato ma Simenon affina lo sguardo cogliendo le prime scintille di quegli anni. La Seconda Guerra Mondiale era all'orizzonte, seppure non così prossima, e intanto il mondo già cominciava ad irrigidire le frontiere: «Sì, perché esistono persone che vengono fatte rimbalzare da una frontiera all'altra come palline da ping-pong. Non si sa di preciso quale sia la loro nazionalità. […] Viaggiano con pacchi ingombranti, materassi, pentolame, un canarino in gabbia e nidiate di marmocchi».

Con la macchina fotografica al collo (nel testo ci sono 24 foto e vi rimandiamo alla lettura della nota a fine testo dell'editor Matteo) l'intento era quello di solcare il mare nostrum, da sempre crocevia di culture, in bilico «tra chi ha paura di aver fame e chi è abituato ad averla», per raggiungere la Sicilia partendo dall'Elba, senza nessuno scalo. Ma ovviamente qualcosa va storto, c'è un rischio di avvelenamento e per giorni interi non c'è traccia di vento. Così, quando finalmente appare all'orizzonte la Sicilia, l'emozione è palpabile: «Ah, Messina! Come sarebbe bello mangiare una cassata!». E giù a mangiar gelati, dopo aver passato lo Stretto.

Simenon gioisce e pare di vederlo, con lo sguardo pronto a cogliere il mutare delle correnti e la penna a mezz'aria: «Da una parte c'è la Sicilia, con una città tutta bianca e l'Etna sullo sfondo del cielo. Dall'altra parte c'è la Calabria. Ma è soprattutto - ed è sempre stato - il confine tra due mondi. Fino a Messina siete più o meno a casa, e le cose hanno ancora il loro valore, le parole come la luce, i colori come i sentimenti. Oltre Messina, a dispetto della Grecia, è già un'altra cosa, è il Mediterraneo avanti Cristo, è l'Oriente, i popoli in marcia, le razze in pieno fermento. Immaginate adesso, all'ingresso dello Stretto, due correnti contrapposte, le famigerate correnti di Scilla e Cariddi, che creano turbolenze tali che il mare assume l'aspetto di un calderone».

Dopo tanto penare, finalmente la ciurma sbarca per le vie di Messina, a caccia di donne e di prelibatezze. Bisogna riempire la pancia e placare tutti gli appetiti: «A quanto pare - scrive Simenon - qui sono i gelati più buoni del mondo. E allora ci precipitiamo. Ne mangiamo una, ne mangiamo due, tre, e la notte abbiamo tutti mal di pancia. L'indomani la sola vista di una pasticceria o di gente che mangia il gelato ai tavolini di un caffè ci dà la nausea».

E poi, dichiarando rivolto al lettore di non voler raccontare la storia di Archimede e la sua impresa con gli specchi, Simenon scende lungo la costa con la sua goletta e approda a Siracusa dove nota subito «certi uomini, qua e là, con il naso rotto dei pugili o con la faccia segnata da cicatrici». Chi sono? Ovviamente gangster che durante il proibizionismo hanno fatto tremare «Chicago e l'America». E adesso mangiano dolci ai tavolini all'aperto.

Siracusa turba i suoi sensi, tanto da definirla «l'immagine stessa della prosperità e della gioia di vivere». Una frase luminosa e potente che dovrebbe essere scritta sul municipio della città aretusea. A beneficio, soprattutto, di noi siciliani che spesso abbiamo bisogno di altri occhi per cogliere la bellezza selvaggia, crudele persino, della nostra isola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook