Lunedì, 28 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio Costanza ad Acquedolci, chiesto l'ergastolo per il boss Domenico Virga
LA REQUISITORIA

Omicidio Costanza ad Acquedolci, chiesto l'ergastolo per il boss Domenico Virga

di
Messina, Cronaca
Domenico Virga

Ergastolo per Domenico Virga, boss cinquantottenne di Gangi, per l’omicidio di Francesco Costanza, picciotto di Tusa ammazzato in località Cartolari, tra Acquedolci e San Fratello, la mattina del 29 settembre 2001. È la richiesta che i sostituti procuratori della Dda Fabrizio Monaco e Francesco Massara hanno formulato davanti alla Corte d’assise presieduta dal giudice Massimiliano Micali, a latere Giuseppe Miraglia. Virga viene considerato dall’accusa uno dei capi di Cosa nostra palermitana, nipote e successore al comando del “padre grande” Giuseppe Farinella, per decenni capo indiscusso del mandamento di San Mauro Castelverde. Determinanti, per la richiesta della pena, le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Nino Giuffrè, braccio destro di Provenzano, Carmelo Bisognano, barcellonese, e Carmelo Barbagiovanni, del clan dei Batanesi di Tortorici. L’udienza è stata rinviata al 21 dicembre, quando a intervenire in aula saranno gli avvocati Salvatore Silvestro, del Foro di Messina, e Debora Speciale, del Foro di Palermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook