Lunedì, 20 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La lacrime di Giampilieri, la Chiesa di Messina: "Non sono le statue a fare i miracoli"
IL CASO

La lacrime di Giampilieri, la Chiesa di Messina: "Non sono le statue a fare i miracoli"

coronavirus, madonna, vescovo, cesare di pietro, giovanni accolla, Messina, Sicilia, Cronaca
Il vescovo di Messina

"La Madonna piange, sì, ma non con le statue. Piange perché fa proprio il dolore delle persone in carne ed ossa. Ed è questo quello che fa anche la chiesa: non sono le lacrime di una statua, ma la vicinanza a chi è stato colpito da questa pandemia, a tutti noi, soprattutto agli ultimi e ai più deboli, ai nostri anziani, a tutte le vittime di questo virus". Il vescovo ausiliare di Messina, monsignor Cesare di Pietro commenta così, a nome anche dell'arcivescovo Giovanni Accolla, le vicende di Giampilieri Marina e l'ultima presunta lacrimazione della statua della Madonna nella casa della signora Pina Micali.

"Non è vero che la chiesa non si sia mai pronunciata - chiarisce il vescovo - su questa vicenda che dura da oltre 30 anni. Ci sono state commissioni di inchiesta, il giudizio è che non si è riscontrato carattere di soprannaturalità a questi eventi. La chiesa non ha dato assenso a che nella cappella realizzata a Giampilieri vengano celebrate messe. Poi, che sia un cenacolo di spiritualità e di preghiera del rosario, va bene. L'importante, lo ribadisco, è capire che non sono le statue a piangere e a fare miracoli, sono le persone che soffrono e la nostra capacità di condividere e alleviare queste sofferenze".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook