Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rifugiato politico che viveva a Messina, storia di Fahdi morto di polmonite e solitudine
AL PIEMONTE

Rifugiato politico che viveva a Messina, storia di Fahdi morto di polmonite e solitudine

di

All'obitorio ieri mattina non c'era nessuno a piangere davanti al suo corpo. Niente folla. Nessun biglietto. Nessuno che conoscesse davvero il suo vissuto e la sua storia.

«Ah, sì, forse cercate quel ragazzo che è morto ieri. Non era italiano», è la frase che si ripete più di tutte a microfoni spenti. Non ha avuto un nome da vivo Fahdi, il giovane rifugiato politico che viveva a Messina, e per la cronaca non lo avrà, almeno fino a quando la famiglia verrà a conoscenza dei fatti.

Fahdi, nome di fantasia, è morto sabato mattina nel reparto di rianimazione dell'ospedale Piemonte. Era ricoverato da giorni. Il suo quadro clinico non ha avuto segni di miglioramento e se ne è andato, praticamente solo, senza l'affetto dei suoi cari, a quanto pare per una polmonite. 

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud, edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook