Martedì, 22 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
LE INDAGINI

Messina, l'agguato a Bisconte: chi ha sparato voleva uccidere

di
agguato, bisconte, Pippo Molonia, Messina, Sicilia, Cronaca
Pippo Molonia

Il cuore del rione Bisconte è uno stretto dedalo di viuzze. Vicoli e stradine, che facilmente si trasformano in un labirinto. E in cui facilmente chi si muove con circospezione, specie nell’ombra favorita dalla notte, può diventare un fantasma.

È questo lo scenario nel quale nella tardissima serata di sabato, le 23.40 circa, a Messina un “fantasma” ha sparato ad un ragazzo di 24 anni. Probabilmente con l’intento di ucciderlo.

Chiunque sia stato - ricostruisce la Gazzetta del Sud in edicola - se davvero era quello il suo intento, non è riuscito a portarlo a compimento.

I bossoli trovati per terra ne indicano la natura, una calibro 7,65. Alcuni proiettili hanno concluso la loro traiettoria sul cancello stesso, solcandolo con una sorta di marchio a fuoco. Altri sono andati sostanzialmente a vuoto. Solo uno – probabilmente perché l’attentatore era sì non molto distante, ma non era nemmeno poi così ravvicinato – ha colpito Molonia. Alla coscia destra.

Agguato a Messina, "gambizzato" un 25enne con 7 colpi di pistola a Bisconte - Foto

Nessuna indicazione utile sembra sia arrivata dalla vittima: pare che abbia detto di non aver nemmeno visto che qualcuno gli stesse sparando. I carabinieri sperano di avere più fortuna con i vicini e con le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona. Impossibile, al momento, risalire al movente. Ma la dinamica – ben sei spari, tutti ad altezza uomo – fa pensare che chi ha fatto fuoco, lo ha fatto per uccidere Molonia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook