Martedì, 17 Settembre 2019
stampa
Dimensione testo
LA MORTE DI VINCI

Tragedia sul caicco in Croazia, il racconto della notte maledetta

di
morto santagatese in Croazia, Eugenio Vinci, Messina, Sicilia, Cronaca
La barca su cui sono rimasti intossicati Eugenio Vinci e i suoi familiari

Sono atterrati ieri poco dopo le 13 a Roma a bordo di un'aeroambulanza, i due bambini ricoverati da una settimana al centro medico Kbc di Spalato per la gravissima intossicazione da monossido di carbonio subìta sul caicco Atlantia, costata la vita ad Eugenio Vinci, imprenditore di Sant'Agata di Militello. Le loro condizioni sembrano migliorare.

In particolare la bambina 11enne pare aver superato la fase più critica e mostra segnali particolarmente incoraggianti. Più cauti invece i progressi del fratellino di appena 4 anni, figlio del manager scomparso, che necessità di qualche attenzione in più.

Già poco dopo il loro imbarco - riporta la Gazzetta del Sud in edicola - la comitiva si era lamentata con l'equipaggio per un odore sgradevole proveniente dalle prese d'aria. «Puzzava di benzina o petrolio, ma più tardi quell'odore cambiò e fu simile all'odore di gas».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook