Venerdì, 29 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Video Società Messina, l'università trasforma respiratore da snorkeling in maschera per terapia subintensiva

Messina, l'università trasforma respiratore da snorkeling in maschera per terapia subintensiva

È destinata a diventare una bella storia di "italico ingegno" ai tempi del Coronavirus. Ed è stato proprio il magnifico rettore dell' Università di Messina, Salvatore Cuzzocrea, a spiegare tramite un videomessaggio l'ultima iniziativa messa in campo dall'ateneo peloritano: la trasformazione di una maschera da snorkeling, commercializzata da una nota azienda di articoli sportivi, in una maschera C-PAP ospedaliera per terapia subintensiva che sarà testata oggi stesso dall’AOU 'G. Martino'.

"Da quando è uscita la notizia di Cristian Fracassi - ha detto il magnifico - che aveva trasformato con una valvola diversa la maschera, ci siamo subito attivati con i colleghi del dipartimento di ingegneria, che ringrazio in maniera particolare: l'ingegnere e docente Filippo Cucinotta, il professore Giacomo Risitano e il nostro grande dottorando Fabio Salmeri, che coordinati da Ida Milone hanno subito contattato Cristian Fracassi, che ci ha dato i disegni e oggi è stata già sviluppata la prima valvola, anzi il primo prototipo, che verrà provato su una maschera che ci è stata donata da un nostro collaboratore per comprendere con i colleghi del Policlinico se e come funziona questo sistema già utilizzato in altri ospedali al nord".

E sempre il magnifico che ha annunciato di essere il contatto con il professore Marco Ranieri: "Abbiamo sentito il collega della rianimazione del Sant' Orsola di Bologna perché sempre con gli stessi colleghi ingegneri stiamo mettendo in campo tutte le nostre risorse e le nostre eccellenze per provare a realizzare un venitilatore doppio, proprio come stanno facendo a Bologna".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook