Martedì, 22 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca "Cerco lavoro, ma in nero". Lidi di Messina pronti allo start, ma manca il personale

"Cerco lavoro, ma in nero". Lidi di Messina pronti allo start, ma manca il personale

Manovalanza, dipendenti e bagnini rappresentano ad oggi uno dei principali problemi per i titolari delle strutture messinesi in questa seconda estate targata Covid-19: non se ne trovano disponibili ad essere messi in regola

Il via alla stagione balneare c'è, qualche lido nella zona litoranea sta timidamente pensando di riaprire subito i battenti e sfruttare anche il mese di maggio dopo l'anno orribile dei ristoranti (soprattutto a Messina) e l'esperienza dell'estate 2020 che ha ridotto a due mesi la frequentazione dei lidi.

Ma all'appello manca qualcosa. E dopo le denunce dello scorso anno, fatte soprattutto dal coordinatore provinciale della FiBa, la Federazione Italiana delle Imprese Balneari, Santino Morabito, è arrivata la conferma anche per questa stagione.

Il reddito di cittadinanza spazza via gli stagionali dei lidi. Lo prendono in tanti e nessuno vuole tornare a lavorare, perché spesso si preferisce guadagnare stando comodamente a casa. E di fatti la richiesta è sempre la solita: "Cerco lavoro, ma in nero". Se si offre un contratto regolare, ecco che il bisogno e la voglia di lavorare scompaiono in un battibaleno.

Proprio manovalanza, dipendenti e bagnini rappresentano ad oggi uno dei principali problemi per i titolari delle strutture in questa seconda estate targata Covid-19. Proprio perché non se ne trovano. O meglio non se ne trovano disponibili ad essere messi in regola.

Un vero paradosso in una delle città con il più alto tasso di disoccupazione d’Italia. Il motivo è semplice: tra reddito di cittadinanza e cassa integrazione, nessuno mira ad avere un contratto regolare come testimonia Santino Morabito ai microfoni di Salvatore De Maria.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook