Domenica, 04 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Foto Società Messina, un migliaio di devoti in Cattedrale per la Patrona

Messina, un migliaio di devoti in Cattedrale per la Patrona

di

E’ il giorno della Festa per la citta dello Stretto, quello in cui - in nome di Maria SS. della Lettera - i messinesi confermano il proprio senso di appartenenza rinnovando l’atto di fede a Colei che, invocata come Veloce Ascoltatrice, non ha mai smesso di guidare i suoi figli prediletti. Una gioia, annunciata già stamattina con 21 colpi di cannone, che ha richiamato in Cattedrale oltre un migliaio di devoti fra sacerdoti, religiose, religiosi e cittadini raccolti in preghiera, ma anche molti turisti attratti dalla bellezza del fercolo in argento che, dopo due anni di stop a causa della pandemia, torna a sfilare questo pomeriggio per le vie del centro città.

E’ stato mons. Salvatore Pappalardo, arcivescovo emerito di Siracusa a presiedere il solenne pontificale concelebrato da mons. Giovanni Accolla, il suo ausiliare Cesare Di Pietro, i confratelli vescovi mons. Guglielmo Giombanco pastore di Patti e dall’emerito di Reggio Calabria Vittorio Mondello e i canonici del Capitolo protometropolitano, alla presenza delle massime autorità civili, militari e accademiche, i membri delle confraternite e degli ordini equestri e il gruppo dei portatori.

Messina, ecco perché si chiama Madonna della Lettera. Stasera processione e fuochi

Tra i fedeli anche i candidati a sindaco della città di Messina Federico Basile assieme a Cateno De Luca, Franco De Domenico e Maurizio Croce. Mons. Pappalardo, che nel 2016 aveva ordinato vescovo il presule messinese nel santuario della Madonna delle Lacrime, si è detto felice di condividere la festa della Patrona; nell’omelia ha della figura di Maria nella storia della salvezza che, come nelle Nozze di Cana, intercedendo con Gesù si è sempre presa cura dei suoi figli, esortando i messinesi a “lasciarsi raggiungere dall’abbraccio benedicente della Madonna che dalla stele dl Porto continua a benedire la comunità tutta”. Un’importante testimonianza di vita evangelica quella che la chiesa messinese ha dato nell’ultimo anno, impegnata a vivere con stile sinodale l’esperienza dell’ascolto, confermata in questo giorno di festa, ha detto mons. Accolla all’inizio della celebrazione, animata dalla comunità del Seminario e dal Coro diocesano S.Maria della Lettera diretto da Nazzareno De Benedetto e accompagnato all’organo da don Giovanni Lombardo con l’ensemble di ottoni, mentre il servizio di sicurezza è stato curato dai volontari del Nucleo diocesano di Protezione Civile.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook