Sabato, 26 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Messina, un tuffo nelle antiche tradizioni della Settimana Santa

Messina, un tuffo nelle antiche tradizioni della Settimana Santa

di

Si preannunciano tre eventi di assoluto rilievo quelli dedicati alla Settimana Santa che hanno come protagonisti, assieme ad altre realtà e istituzioni locali, l'associazione culturale Kiklos, titolare del Museo dei Peloritani, l'Arciconfraternita dei Catalani e la Biblioteca regionale universitaria “Giacomo Longo”.

Il primo appuntamento con la cultura religiosa prenderà il via venerdì 8 con la II edizione del convegno internazionale online dal titolo “Radici comuni nel Mediterraneo”, echi di comPassione nelle musiche della Settimana Santa, all'insegna del gemellaggio fra le comunità di Francavilla Fontana, Messina, Valencia, Tarragona. L'indirizzo di saluto sarà affidato al sindaco di Francavilla Fontana, Antonello Denuzzo, al dirigente scolastico del liceo musicale Ainis, Elio Parisi e per l'associazione culturale “Annibale Maria Di Francia” di Francavilla Fontana a Cosima Proto. A relazionare sui “Riti e misteri della Settimana Santa tra Spagna e Sicilia” la presidente dell'associazione Aura, Francesca Mangano; su “La chiesa dei Catalani e la sua Arciconfraternita” il governatore dell'Arciconfraternita SS. Annunziata dei Catalani Marco Grassi; su “I Canti e i suoni della Settimana Santa in provincia di Messina. Appunti di ricerca etnomusicologica fra il XX e il XXI secolo” il demoetnomusicologo Mario Sarica. Di grande importanza alcuni contributi video realizzati in co-produzione dal Museo dei Peloritani e dalla Biblioteca “Giacomo Longo”. Si tratta delle marce funebri eseguite dal complesso bandistico “Vincenzo Bellini” di Santo Stefano Briga, diretto dal maestro Tommaso Bellinghieri e dello Stabat Mater di Santo Stefano di Camastra, eseguito dai cantori del Venerdì Santo. Il prof. Daniele Muscolino e gli alunni della classe V del liceo musicale “Ainis” eseguiranno il brano musicale “O Santa Cruci” dalla tradizione di Mistretta.

Particolarmente attesa l'VIII edizione di “Voci e suoni della Passione nella cultura popolare siciliana” che si terrà sabato 9 alle 19,30 in Cattedrale. A promuoverla l'Arciconfraternita dei Catalani e il Museo di Cultura e Musica popolare dei Peloritani nell'ambito del cartellone “Armonie dello Spirito”, con la collaborazione dell'Orchestra da Camera di Messina. Le marce funebri saranno eseguite dal complesso bandistico “Vincenzo Bellini” di Santo Stefano Briga, diretto dal maestro Tommaso Bellinghieri e in prima assoluta Maria Assunta Munafò eseguirà all'organo “Tamburini” la grande marcia funebre di Antonio Laudamo, scritta per la morte di Felice Bisazza avvenuta nel 1867. I canti della Settimana Santa “fra colto e popolare” saranno affidati alla Corale Polifonica “San Nicolò, diretta dal maestro Nazzareno De Benedetto, mentre le “Voci della Passione dei Nebrodi” saranno eseguite da Pinello Drago, voce e chitarra.

Martedì 12 aprile alle 10 alla Biblioteca universitaria regionale “Giacomo Longo”, di cui è direttrice Tommasa Siragusa, sarà presentato il dvd “Ecce Lignum Crucis” dedicato al Venerdì Santo a Novara di Sicilia, realizzato in co-produzione dalla biblioteca “Giacomo Longo” e dal Museo dei Peloritani con la partecipazione del comune di Novara di Sicilia. Dopo l'introduzione della direttrice Siragusa, interverranno il primo cittadino di Novara di Sicilia Girolamo Bertolami e l'assessore alla Cultura Salvatore Buemi, seguiti dalla relazione dell'etnomusicologo Mario Sarica, curatore scientifico del Museo dei Peloritani. Per l'occasione si terrà un'esposizione bibliografica e iconografica.

 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook