Mercoledì, 25 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Al Renato Guttuso di Milazzo la VII edizione del progetto "Libriamoci - giornata di lettura nelle scuole”

Al Renato Guttuso di Milazzo la VII edizione del progetto "Libriamoci - giornata di lettura nelle scuole”

Si è conclusa all’Istituto “Renato Guttuso” (Liceo Artistico ed Istituto Alberghiero) di Milazzo , la settima edizione del progetto nazionale “Libriamoci - giornata di lettura nelle scuole”, promosso dal “Centro per il libro e la lettura”, con il patrocinio del Miur. La kermesse, che nei primi giorni ha ospitato artisti del calibro di Antonio Putzu e Salvatore Amato, ha chiuso i battenti con lo scrittore e docente del Liceo “Lucio Piccolo” di Capo d’Orlando, Luciano Armeli Iapichino, autore de “Le vene violate”, libro-inchiesta nel quale viene ricostruita la storia dell’urologo Attilio Manca.

L’evento, coordinato dalla professoressa Barbara Andaloro, ha visto la partecipazione della dirigente Delfina Guidaldi, dei docenti di Lettere e degli alunni delle classi quinte. Dopo i saluti della preside, che ha ribadito l’importanza della lettura come “nutrimento dell’animo dei lettori”, la professoressa Andaloro ha introdotto le forti tematiche trattate dall’autore. Lo scrittore di Galati, peraltro, insignito del premio “Scrittore scomodo” 2019, ha parlato ai ragazzi della vicenda del medico barcellonese Attilio Manca, sulla cui morte, avvenuta in circostanze misteriose a Viterbo nel 2004, aleggerebbe lo spettro della latitanza e dell’operazione alla prostata di Bernardo Provenzano.

Davanti ad una platea estremamente interessata, l’autore ha, inoltre, trattato il delicato tema della geolocalizzazione delle latitanze più inquietanti nel barcellonese, compiendo un esauriente excursus sulle vittime di mafia dal secondo dopoguerra ad oggi. La sede del Liceo Artistico, grazie alla docente curatrice Anna Arizzi, ha offerto ai propri alunni un’esperienza intensa, con quattro giornate ricche di cultura a tutto tondo, con quattro eventi dal titolo generale “Eternità d’istante”, dove letteratura, teatro e musica si sono fuse in un’esperienza unica ed emozionante.

La professoressa Anna Arizzi e il musicista Antonio Putzu hanno alternato esposizioni, letture ed esecuzioni strumentali nei due incontri dedicati alla musica, con un focus sulla Sicilia e su Ennio Morricone. Negli incontri con Salvatore Amato invece ha trovato spazio il “teatro” della vita attraverso la lettura creativa di alcuni brani tratti da Novecento di Baricco. Momenti di crescita culturale ed etica per gli alunni che hanno seguito gli eventi in programma con curiosità e partecipazione.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook