Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Messina, l’isola pedonale piace. Con i primi “però”

Messina, l’isola pedonale piace. Con i primi “però”

di

Se l’isola pedonale, nella giornata di festa che ha conciso con l’inaugurazione, è stata gradita dai messinesi, che l’hanno promossa a pieni voti, occorrerà adesso vedere cosa succederà nel resto della settimana, quando al clima rilassato della festa si sostituirà la routine quotidiana. Una delle questioni emerse da subito è quella relativa alla parte bassa del viale San Martino, chiusa solo la sera. «Come Confesercenti abbiamo sempre sostenuto l’isola pedonale – premette Alberto Palella, presidente di Confesercenti Messina –. Da un lato i cittadini si rimpadroniscono degli spazi della città e dall’altro il commercio può evolvere, diventando più organizzato, e può contrastare i grandi colossi dei centri commerciali. Diciotto anni fa siamo stati i primi a sostenere l’iniziativa di Mille vetrine». Tuttavia, secondo Palella, le scelte per alcune zone lasciano perplessi: «Non capiamo il motivo di chiudere la parte bassa del viale San Martino, l’amministrazione comunale si ostina a fare un’unica isola pedonale per unire piazza Duomo a Piazza Cairoli, ma la prima sera già alle 22 non c’era più anima viva nella parte bassa di viale San Martino. Il progetto iniziale prevedeva di allestire lì i mercatini, poi i commercianti hanno voluto che di giorno la strada restasse aperta, ma chiuderla solo di sera, senza creare attrattive importanti, rischia di farla restare una zona deserta. Altra questione è la chiusura di via Del Vespro, crea un imbuto pazzesco a salire verso la via Tommaso Cannizzaro».

L’isola pedonale deve rappresentare un’occasione di crescita secondo Carmelo Picciotto, presidente di Confcommercio Messina: «Sulla prima giornata di isola pedonale natalizia – dice – non ho ricevuto commenti negativi, in generale c’è un giudizio positivo sulle scelte fatte. C’è soddisfazione per le iniziative dell’amministrazione comunale. Complessivamente penso che in questo modo il Natale può funzionare, poi nello specifico se c’è qualche correttivo ulteriore da fare in alcune zone particolari vedremo, devo ancora verificare».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook