Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Messina, lo sviluppo dello Stretto in sette mosse

Messina, lo sviluppo dello Stretto in sette mosse

di

Passa soprattutto dal mare il rilancio di Messina. Il suo futuro è legato anche alle richieste di finanziamento al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti da parte dell’Autorità di Sistema portuale dello Stretto, che sul finire dello scorso anno ha inviato al Governo uno schema con 7 interventi prioritari strategici: i progetti “Stretto green”, “Falcata revival”, “Stretto link Villa San Giovanni”, “Stretto link Reggio Calabria”, “Stretto link Messina”, “Hub Eolie” e “Astra”. In ballo 540 milioni

Zona falcata

In cima alla lista la restituzione agli usi urbani della Real Cittadella. In una prima fase, già avviata con oneri a carico dell’Authority, riflettori puntati alla caratterizzazione delle aree per la individuazione delle sostanze inquinanti, mentre dopo si passerà alla bonifica e alla valorizzazione vera e propria. In programma l’ambizioso obiettivo di creare un Parco archeologico in grado di mettere in mostra vari reperti e i cui spazi saranno organizzati così da fare emergere l’antica struttura, immersa nel verde e affacciata sulle acque dello Stretto. La porzione della degassifica sarà bonificata e grazie alla sua posizione di grande panoramicità e centralità, destinata alla formazione di un polo turistico-ricettivo-alberghiero, integrato con strutture complementari di tipo commerciale, ludico e sportivo. In tale direzione, l’Autorità portuale ha intrapreso l’iter per dotarsi di uno studio di fattibilità. Costi individuati in 150 milioni di euro (120 statali e 30 a carico di privati).

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook