Sabato, 19 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Acr Messina, si riapre la pista Civilleri. Sarebbe il rinforzo perfetto
SERIE D

Acr Messina, si riapre la pista Civilleri. Sarebbe il rinforzo perfetto

di

Si riapre la pista Marco Civilleri per l'Acr Messina. I biancoscudati, infatti, potrebbero chiudere nelle prossime ore il trasferimento del forte centrocampista del Licata, principale obiettivo di questa sessione di calciomercato invernale. Se nelle scorse settimane, infatti, sono stati effettuati dei sondaggi "esplorativi" per altri profili, sul 29enne gialloblù i dirigenti del club peloritano non hanno mai avuto dubbi. Civilleri, infatti, piace per le sue qualità tecniche, per la duttilità tattica ma anche per le doti caratteriali. Un profilo che si incastrerebbe alla perfezione nel roster di assoluto livello già a disposizione di Raffaele Novelli, rendendolo ancora più completo e competitivo.

Già di recente, come si ricorderà, le parti erano stati vicinissime ma poi non si era arrivati alla fumata bianca per il mancato accordo tra i club. Adesso nuovo spiraglio, perché l'Acr è convinta che Civilleri possa essere il migliore dei rinforzi fra tutti quelli valutati, ma anche perché il calciatore ha espresso gradimento per l'eventuale trasferimento. Resta da convincere il Licata, società particolarmente attenta e puntuale nella gestione dell'organico ma che proprio per questo non fa sconti quando si tratta di cedere i propri calciatori, soprattutto prezzi pregiati. Tra oggi e domani potrebbero esserci delle novità, certamente la trattativa non è del tutto chiusa come sembrava. Vedremo se stavolta si arriverà alla stretta di mano decisiva.

Anche perché Civilleri rappresenterebbe un innesto “universale”, di categoria, impiegabile in più ruoli così permettendo all'Acr di non dovere andare a fare altro nel reparto offensivo, dove comunque si crede molto in Addessi e Bollino, anche se il loro rendimento nella prima parte di stagione è stato fortemente condizionato da infortuni e condizione fisica non sempre ottimale. Un discorso molto simile per Vacca e Lavrendi, altri atleti che guardando al curriculum a inizio torneo venivano inseriti da tutti tra i sicuri protagonisti, ma che invece hanno dato meno rispetto al loro potenziale perché è mancata la giusta continuità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook