Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
IL PROGETTO

A Messina il tour "Dono per la vita", il ciclista trapiantato Iacovelli accolto a Palazzo Zanca

ciclismo Messina, Dono per la vita, tour di ciclismo, Alessandra Calafiore, Giuseppe Iacovelli, Giuseppe Scattareggia, Messina, Sicilia, Società
Giuseppe Iacovelli

Si è conclusa oggi, a Messina, la seconda edizione del tour in bicicletta “Dono per la vita”, effettuato in solitario dal trapiantato di rene Giuseppe Iacovelli, presidente della sezione provinciale di Latina dell’ANTR onlus (Associazione Nazionale Trapiantati di Rene).

Gli assessori alle Politiche della Salute Alessandra Calafiore ed alle Attività Sportive Giuseppe Scattareggia hanno accolto il ciclista, a conclusione del tour, nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca. L’iniziativa è promossa dall’ANTRA, in collaborazione con il CRT Sicilia (Centro Regionale Trapianti) e l’AIDO Sicilia (Associazione Italiana Donatori di Organi Tessuti e Cellule).

Articolato in otto tappe (Messina, Marina di Caronia, Palermo, Castelvetrano, Agrigento, Ragusa, Catania e ritorno a Messina), il tour è finalizzato ad informare e sensibilizzare il più possibile la popolazione siciliana sul tema della donazione di organi e tessuti e su quello della solidarietà sociale, con l’auspicio di fare acquisire ai cittadini una maggiore consapevolezza sull’argomento, al fine di potere decidere autonomamente e consapevolmente, se diventare donatori.

“In Italia – evidenzia l’assessore Calafiore – 9 mila soggetti aspettano di essere trapiantati e tanti di loro purtroppo finiranno prematuramente il loro percorso di vita senza poterlo fare. Ci sono alcune regioni virtuose per quanto riguarda la donazione ed il trapianto; la Sicilia, con grande rammarico, è stata nel 2018 la penultima regione d’Italia,
sia per il numero delle donazioni (8,5 donazioni per milione di abitanti), sia per l’opposizione alla donazione (49,7%). Perché questi dati? Il siciliano non è altrettanto generoso e disponibile del toscano o del piemontese. Questa situazione è, molto probabilmente, da attribuire alla disinformazione ed alle tante radicate negative convinzioni”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook