Domenica, 24 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
PRIMARIO DI UROLOGIA

Ella, il chirurgo di Oliveri che ha sfondato a Londra. Il suo motto: “Donne al potere”

di
chirurgo di Oliveri, consultant a Londra, Donne al potere, Elisabetta Costantini, Ella Di Benedetto, Messina, Sicilia, Società
Ella Di Benedetto

La sua storia dimostra che la forza di volontà è la chiave di ogni successo. Ella Di Benedetto, 34 anni, aveva una sola certezza nella vita: voleva fare il chirurgo. E non le importava se bisognava scontrarsi con una società, quella italiana, in cui questa professione fatta da una donna è salutata sempre come un miracolo, e se doveva fare le valigie per realizzare il suo sogno altrove.

«Sono originaria di Oliveri, - ha raccontato Ella - e dopo la maturità classica ho frequentato la facoltà di Medicina a Messina. Mi vedevo chirurgo da sempre ma mi sono ritrovata ad imbattermi e appassionarmi all'Urologia, che è un ambiente prettamente maschile, davvero per caso. Ho fatto un internato di chirurgia dall'altra parte del mondo, a Taiwan, e lì ho conosciuto il primario che mi ha portato in sala operatoria e introdotto in questo mondo. E di solito questa branca non si studia molto».

La laurea in Medicina nel 2008 e un periodo in Inghilterra già durante l' ultimo anno di specializzazione che si è conclusa nel 2014 : «Fremevo per tornare fuori perché non ero soddisfatta della formazione chirurgica che riceviamo in Italia. Una pecca è che impari a fare il medico però non fai pratica perché ti mettono sempre in secondo piano. Opera sempre il primario e gli specializzandi stanno solo a guardare». A Londra la formazione quindi è nettamente diversa e i giovani possono andare oltre le nozioni: « Per 4 anni ho lavorato nuovamente come specializzanda ma la differenza con il nostro Paese è che vi è un grande margine di azione: operi da solo e hai un “consultant”, che sarebbe il nostro primario, che ti guida». Nei primi 4 anni la dottoressa ha recuperato il terreno perduto faticando e proprio a febbraio è diventata anche lei “consultant”.

C' è però la consapevolezza che bisogna ancora battersi per vedere più chirurghi donna e far comprendere che le differenze in alcuni posti sono azzerate: « Che io sappia nel nostro Paese vi è solo un primario donna nel mio stesso settore, la professoressa Elisabetta Costantini, che opera in Umbria, e che è riconosciuta a livello internazionale. In Inghilterra si dà molto spazio alle donne e nel nostro reparto ci sono altre 4 urologhe che sono bravissime».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud - edizione di Messina in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook