Martedì, 27 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Regionali in Sicilia, confermata l'esclusione della lista Siciliani Liberi in provincia di Messina
RICORSO RIGETTATO

Regionali in Sicilia, confermata l'esclusione della lista Siciliani Liberi in provincia di Messina

Messina, Politica
Ciro Lomonte

I giudici della prima sezione del Tar di Palermo - presidente Salvatore Veneziano - hanno confermato l’esclusione della lista Siciliani Liberi in provincia di Messina. Il ricorso è stato presentato da Ciro Lomonte, in qualità di segretario del partito. La lista era stata esclusa perché la presentazione era avvenuta alle 16.10, dieci minuti dopo rispetto al termine indicato dalla legge. I delegati erano entrati alle 16 dentro il Tribunale e il ritardo della presentazione sarebbe imputabile a un guasto imprevisto al sistema informatico del Comune di Patti, protrattosi dalla notte del 25 agosto al pomeriggio del 26, che non ha consentito ai delegati del partito di acquisire tempestivamente i certificati elettorali dei sottoscrittori appartenenti alle liste elettorali del Comune (5 su un totale di 306 firme raccolte). Secondo la legge è giustificabile il ritardo nella presentazione delle liste e delle candidature allorché ricorrano cumulativamente le seguenti condizioni: la prima che il ritardo sia "lieve"; la seconda che all’ora di scadenza del termine i presentatori della lista si trovassero già all’interno della casa comunale; la terza che il ritardo sia giustificato da ragioni eccezionali ed imprevedibili non imputabili ai soggetti interessati. «Nel caso che ci occupa non è in discussione né la presenza dei delegati all’interno del Tribunale di Messina alle ore 16, provata in atti, né l’esiguità del ritardo maturato, di soli 10 minuti nella presentazione della lista - si legge nelle sentenza - A difettare invece è la terza condizione, non potendosi ritenere diligente il comportamento dei delegati, che hanno atteso inutilmente fino al termine del tempo concesso dalla norma, pur essendo già in possesso di 301 firme certificate, a fronte delle 300 richieste. Non risultano, quindi, sussistenti tutte le tre condizioni cui la giurisprudenza consolidata àncora l’ammissione eccezionale della presentazione delle liste e delle candidature oltre il termine di scadenza; da ciò discende il rigetto del motivo e del ricorso nel suo insieme».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook