Domenica, 26 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Caruso risponde a Croce sulla cultura: "Vive su un altro pianeta, non sa di cosa parla"
AMMINISTRATIVE

Caruso risponde a Croce sulla cultura: "Vive su un altro pianeta, non sa di cosa parla"

Messina, Politica
Enzo Caruso

Ancora botta e risposta tra il candidato del centrodestra Maurizio Croce e gli assessori della Giunta uscente. Questa vola a rispondere alle parole di Croce è l'ex assessore alla Cultura, Enzo Caruso: "Aberrante o, meglio ancora, disarmante quanto dichiarato da Croce in merito alla sua idea di cultura: “L’anima culturale della nostra città è stata anestetizzata dalle scelte dell’amministrazione De Luca. Messina pretende un radicale cambio di rotta. Dobbiamo lasciarci alle spalle una fase segnata da una decadenza senza precedenti”. Invito Maurizio Croce, ad atterrare sulla Terra, ad esplorare il pianeta Messina e a non fidarsi dell’interpretazione delle “pitture rupestri” che i suoi esperti di comunicazione gli sottopongono. La Cultura è, per definizione, conoscenza, perché solo attraverso la conoscenza si possono comprendere le cose, apprezzarle e tutelarle. Ma Croce disconosce ciò di cui parla. Quando mai a Messina una Amministrazione ha puntato sulla Cultura in modo programmatico e progettuale come negli ultimi anni con l’Amministrazione De Luca? È bene riportare alla memoria che lo stesso Sindaco Accorinti, in 5 anni di mandato, ha cambiato ben 4 Assessori (Todesco, Perna, Ursino e Alagna) dando riprova che la Cultura a Messina è sempre stata relegata al ruolo di Cenerentola di ogni Amministrazione, assegnata sempre all’anello più debole di ogni coalizione, producendo solo eventi sporadici, scollegati tra loro, non facenti parte di una strategia generale e organica".

"Chi ha mai dato seguito a Consulte e Tavoli Tecnici, di volta in volta sbandierati come segno di “democrazia partecipata”, sempre eterea e inconsistente? - prosegue Caruso - E non mi si parli di coinvolgimento; per 20 anni, insieme a tanti altri operatori, sono rimasto dietro la porta di 5 Sindaci, 3 Commissari e un numero imprecisato di Assessori, sempre ad elemosinare la loro attenzione e il loro sostegno. Cateno De Luca ha dato una svolta convinta e di indirizzo. Mi ha assegnato la delega alla Cultura dopo avere osservato la mia storia, fatta di relazioni istituzionali, di rapporti e partenariati non solo locali e il mio stile di “centrocampista”, proteso ad impostare il gioco e “passare la palla” in favore dell’azione di squadra. Dopo appena un mese dalla mia nomina ad Assessore alla Cultura, il 27 Novembre 2019 oltre 600 operatori dei vari comparti del Turismo, Cultura e Terzo Settore hanno risposto al mio appello al Palacultura in una Conferenza Generale, alla quale erano presenti Giovani, Educatori, Dirigenti Scolastici, Docenti, Associazioni Culturali e Musicali, ProLoco, Teatri, Artisti, Librerie, Biblioteche, Agenzie di Viaggio, Operatori del Turismo e della Cultura, Consigli di Circoscrizione e rappresentanti Istituzionali del Teatro, Museo, Soprintendenza, Marina Militare, Comando Zona Fari, Brigata Aosta, Agenzia delle Dogana e Camera di Commercio".

Caruso snocciola anche dei numeri: "A seguito dell’incontro di lancio del dettagliato programma, preceduto da una meticolosa analisi dei vari settori, supportata da dati, delle criticità e dei punti di forza del territorio messinese, sono stati censiti in una Banca Dati 118 Operatori Culturali, 60 Operatori del Turismo, 80 referenti del settore Giovanili ed Educativo, 18 Referenti del Settore del Volontariato. Lo stop causato dalla pandemia, dopo solo tre mesi dall’inizio del mio mandato, anche se ha compromesso le modalità di attuazione di quanto programmato, non ha arrestato la progettazione di un nuovo percorso di vitalità e fermento, registrato da tutti gli operatori che hanno trovato nel mio Assessorato (non temo smentita), non solo una regia, ma soprattutto un riferimento stabile e identitario, supportato dalla stampa locale e condiviso con la cittadinanza. A titolo di esempio, inviterei il candidato Croce, prima di SPARARE… “INESATTEZZE” (politically correct! n.d.a.), a consultare, le decine di pagine riportare nella dettagliata “Relazione di fine mandato” dell’Amministrazione De Luca, dedicate alle Politiche Culturali, di cui riporto di seguito uno stralcio. Noterà quello che, per fortuna è dimostrabile, e che cercherò di riassumere, non solo per lui, ma per i “denigratori seriali” che imperversano sui social, vera cancrena di questa bistratta e martoriata città. Su una cosa ha ragione Croce, “Cultura, non può essere una parola vuota: è il frutto di una visione strategica all’interno di un processo di programmazione preciso”, ma non sarà certo uno che non si è mai occupato di questo ambito e che ha fatto parte di governi che non hanno lasciato una benché minima traccia in proposito, a dare lezioni a chi, prima con l’Amministrazione De Luca e adesso con Federico Basile, si impegnerà a fare del proprio meglio per rendere Messina non più una vecchia signora adagiata sul suo glorioso passato, ma una bella ragazza che avanza sorridente pronta a riprendersi il suo posto di principessa, con l’aiuto di quanti della cultura ne hanno fatto la propria mission".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook