Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, slitta ancora la nomina del commissario
COMUNE

Messina, slitta ancora la nomina del commissario

di
Momento di riflessione in seno al Governo regionale per individuare il profilo più idoneo al delicato incarico
Messina, Politica
Palazzo Zanca

È il quinto giorno di Messina senza sindaco. Il quinto giorno di riflessione e studio, da parte dell’assessore regionale per le Autonomie locali, l’agrigentino Marco Zambuto, e del presidente della Regione, il catanese Nello Musumeci, prima di ufficializzare la scelta del nuovo commissario straordinario che dovrebbe insediarsi a Palazzo Zanca già nella prossima settimana. La nomina potrebbe essere effettuata oggi anche se, da quel che trapela da Palermo, potrebbero esserci delle difficoltà nell’individuare il profilo ideale di un alto dirigente che sia disponibile a trasferirsi in riva allo Stretto per i prossimi mesi. Non si tratta di un compito facile né da poter essere assolto a distanza, o concentrando la propria presenza solo in alcuni giorni della settimana. C’è da amministrare il Comune di una delle tre più importanti città dell’Isola, non è uno scherzo né, con tutto il rispetto per i piccoli centri, può essere data la stessa rilevanza al commissariamento di Messina o a quello di Valguarnera Caropepe...
C’è un rischio, che sarebbe inaccettabile far correre alla nostra città in questa delicata fase politico-amministrativa. Il rischio è quello che, nello scontro che vede contrapposti da anni Nello Musumeci e Cateno De Luca, ci si continui a rinfacciare responsabilità, addossando la colpa all’uno di avere abbandonato la nave prima del tempo e all’altro di avere avuto già giorni a sufficienza (essendo stato avvertito in anticipo) per procedere alla nomina del commissario straordinario. Le logiche politico-elettorali, in questo caso, non possono prevalere sugli interessi di un’intera comunità. E il vuoto di potere, che sia condivisibile o meno la scelta dell’ex sindaco e della sua squadra di interrompere il mandato amministrativo un anno prima della sua naturale scadenza, va colmato senza indugi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook