Giovedì, 02 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, le riflessioni di Sturniolo tra indebitamento del Comune ed ipotesi di dissesto
LA RIFLESSIONE

Messina, le riflessioni di Sturniolo tra indebitamento del Comune ed ipotesi di dissesto

"La narrazione autocelebrativa di Cateno De Luca è fondata in larga misura sui successi della sua politica di risanamento finanziario del Comune di Messina. Il risanamento finanziario è, però, a sua volta autocertificato da un diluvio di parole (dette e scritte attraverso le 1500 pagine della sua relazione annuale) talmente consistente da intimidire chi volesse ingaggiarne una lettura critica. Così, il sindaco si è guadagnato un trattamento di tutto rispetto, per quanto, per onestà intellettuale, va detto che quell’enorme flusso di dati messi a disposizione offre anche la possibilità di indagare con spirito “curioso” l’attività amministrativa dell’esecutivo messinese". E' quanto afferma in una nota l'ex consigliere comunale Luigi Sturniolo sulla relazione triennale del sindaco per la parte che riguarda l’indebitamento del Comune, il piano di riequilibrio e l’ipotesi di dissesto

"Basta questo per accorgersi, ad esempio, che un primo equivoco viene dall’accostamento che De Luca fa spesso tra il carteggio intrattenuto con la Commissione ministeriale chiamata a valutare il Piano di Riequilibrio e la Corte dei Conti e la sua valutazione della riduzione della massa debitoria ad un terzo della cifra iniziale. In realtà, il giudizio positivo rilasciato dalla Commissione e quello che si attende dalla Corte dei Conti si riferiscono al Piano del 23/11/2018 che ammonta a € 552.209.432,29 (lo stesso De Luca rinvenne 35 milioni di euro di debiti in più rispetto a quello di Accorinti precedentemente approvato), non alla sua presunta riduzione a 140 milioni o meno ancora".

"Una seconda difficoltà - sottolinea ancora Sturniolo - viene dal fatto che al centro della narrazione c’è la cancellazione dal Piano di Riequilibrio delle perdite e dei debiti fuori bilancio delle società partecipate. La ragione di tale sottrazione viene dalla norma che vieta il soccorso finanziario da parte del socio (se non ben motivato) delle partecipate fallite o in liquidazione. Le società, cioè, dovranno rispondere ai creditori con il proprio patrimonio. La domanda è: cosa accadrà quando questo risulterà insufficiente? I creditori che adesso aggrediscono la curatela fallimentare aggrediranno il socio proprietario? E l’ente dovrà o no rispondere di un andamento fallimentare che avveniva sotto il suo controllo? Ultima domanda: è possibile cancellare quei debiti e quelle perdite senza appostare un fondo per il contenzioso?"

"Questo discorso vale 134 milioni, ma consente, poi, di fare operazioni come ridurre anche il fondo rischi e permettersi di non usufruire del fondo di rotazione che servono a svuotare il Piano, ma non sono una riduzione dei debiti. Si tratta, quindi, di un nodo fondamentale. A questo, poi, si aggiungono altri provvedimenti che sono proprio uno sposare le somme da una parte all’altra. Se tolgo la rata del riaccertamento dei residui dal piano non vuole dire che non la devo pagare. Semplicemente la pago con il bilancio. Se mi accordo per una rateazione in 13 rate del debito fuori bilancio col creditore non vuole dire che quel debito sparisce. Semplicemente lo pago con il bilancio. Di sicuro c’è che De Luca ha fatto transazioni al 50% per 30 milioni di euro e per 3 milioni ha scoperto che non avrebbe dovuto pagarli. Insomma, il risparmio sicuro ammonta a € 18.390.835,30".

"La sensazione è, cioè, che si tenda a equiparare lo svuotamento del Piano di Riequilibrio con la riduzione della massa debitoria cui l’ente dovrà fare fronte e questo può ingenerare speranze di risanamento non così certe e farci scoprire domani che alla fine la situazione non sia poi cambiata così tanto. D’altronde, è una tendenza che ha finito per contagiare tutte le amministrazioni che vivono il dissesto finanziario come un marchio d’infamia. Succede così che il fallimento del bilancio pubblico venga equiparato al fallimento della città. Ma non è così. Il dissesto finanziario di un ente pubblico è il fallimento delle politiche governative (nazionali, regionali e locali). La città non c’entra nulla. I cittadini, semplicemente, lo subiscono e non cambia nulla - conclude Sturniolo - che l’ente si trovi in dissesto o predissesto. Conta il fatto che non ha i soldi per fornire i servizi più essenziali che sarebbe chiamato a garantire".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook