Venerdì, 24 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, alta capacità... di raccontare frottole
INFRASTRUTTURE

Messina, alta capacità... di raccontare frottole

di
Storia di un grande imbroglio che si concretizza nel Piano nazionale di ripresa e resilienza

Il premier Draghi lo ha detto, non tuonando, perché non è il suo stile, ma con una particolare accentuazione dell’aggettivo utilizzato: «Quella tra Salerno e Reggio Calabria sarà vera Alta velocità, avremo treni che andranno a 300 chilometri all’ora». Ma le cose non stanno così. Lo dicono tecnici ed esperti: il tracciato scelto non consentirà la “vera” Alta velocità, ma una sorta di via di mezzo, una parvenza di “Av”, chiamiamola con il suo nome: un miglioramento delle attuali condizioni di collegamento ferroviario dalla Campania alla Calabria. E questa sarebbe la rivoluzione epocale? Lo stesso vale per la tanto sbandierata nuova linea ferroviaria Palermo-Catania-Messina: si passa dal binario unico al doppio binario. E questa sarebbe la rivoluzione epocale?
Nel Pnrr, lo sanno ormai anche le meduse dello Stretto, il Ponte non è entrato, perché il ministro Giovannini ha deciso che non c’erano i tempi per realizzarlo entro le scadenze imposte dall’Europa, cioè entro il 2026. Lo stesso ministro che ieri si è contraddetto, affermando che l’Alta velocità tra Salerno e Reggio Calabria, inserita nel Pnrr, non potrà essere completata prima del 2030.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook