Mercoledì, 21 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
SANITÀ

"Strane commistioni" tra il Policlinico di Messina e un centro privato, presentata un'interrogazione parlamentare

Un'interrogazione parlamentare al ministro della Sanità (primo firmatario il presidente della Commissione sanità, Pierpaolo Sileri, M5S) di 18 senatori mette in evidenza le "strane commistioni" tra Università di Messina, Policlinico Gaetano Martino e un centro privato di riabilitazione che ufficialmente non è compreso né nella rete assistenziale privata né in quella pubblica della Regione Sicilia e che, a detta degli interroganti e a seguito di una denuncia sulla quale sta indagando la magistratura, avrebbe sottratto spazi e posti letto alla riabilitazione della struttura universitaria pubblica, penalizzando la carriera di docenti e dequalificando le attività formative.

"Il 22 novembre 2017 è stata firmata - sostengono i senatori - una nuova convenzione per gli anni 2018-2022 tra Fondazione e Policlinico con entrata in vigore dall'1 gennaio 2018, nella quale, laddove si parla delle prestazioni di ricovero presso il centro Nemo Sud, sorprendentemente si fa riferimento a tariffe maggiorate che si riferiscono a soggetti mielolesi che rappresentano quadri morbosi del tutto diversi e per nulla assimilabili alle malattie neuromuscolari che vengono trattate presso il centro in questione".

Gli interroganti auspicano "l'esigenza di prendere provvedimenti al fine di ristabilire il rispetto delle norme di legge all'interno del Policlinico".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook