Lunedì, 26 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
IL CONFRONTO

Il Ponte sullo Stretto perno del nuovo piano regolatore di Messina

di
cateno de luca, messina, piano regolatore, carlo gasparrini, Cateno De Luca, Salvatore Mondello, Messina, Sicilia, Politica
IL progetto del ponte Sullo Stretto

Come alla fine degli anni ‘70 col piano “Tekne”. O, senza per forza dover andare così lontano, come nel giugno 2010, quando l’allora giunta Buzzanca approvava l’avvio delle linee guida del nuovo Prg, sottolineando la necessità di «pensare ad una corretta integrazione con l’assetto complessivo del territorio per tutto quanto attiene la fondamentale partita delle opere a terra e degli interventi di compensazione, previsti dalla realizzazione del Ponte sullo Stretto».

Già, oggi come allora, come sempre: tutto deve ruotare attorno al Ponte che non c’è e non si sa se mai ci sarà. Anche il Piano regolatore che verrà. Su questo il sindaco Cateno De Luca è stato categorico, agitando le acque fin lì calme della riunione che si è tenuta ieri all’ora di pranzo a Palazzo Zanca. Seduti attorno al tavolo della sala Giunta c’erano alcuni consiglieri comunali, il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Salvatore Mondello e soprattutto il professor Carlo Gasparrini, il tecnico che con l’ex amministrazione Accorinti in carica, aveva redatto il corposo documento di 300 pagine con le linee guida del nuovo Piano regolatore generale.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Messina in edicola oggi.

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook