Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
LO SCONTRO

Porti: l'Autorità dello Stretto tra le più efficienti, Calabria e Sicilia contro la nomina del presidente

di

Le valigie sono già pronte da tempo ma fino all'ultimo giorno Antonino De Simone intende svolgere il proprio ruolo di commissario di una delle Autorità portuali che gode di maggiore salute nel panorama nazionale. Ed un nuovo motivo di soddisfazione per l'Authority di Messina e Milazzo è arrivato in questi giorni dalla pubblicazione da parte del ministero dell'Economia e delle Finanze della classifica delle pubbliche amministrazioni più efficienti nei pagamenti.

"Fra tutte le Autorità portuali italiane Messina, infatti, - sottolinea il commissario - risulta essere al quarto posto relativamente ai tempi medi di pagamento delle fatture, dimostrando grande tempestività nell'espletamento delle procedure e capacità di rispondere prontamente alle imprese fornitrici di beni e servizi all'Ente con un'iniezione notevole di denaro nel circuito dell'asfittica economia locale. Tutto ciò nonostante una dotazione organica di molto sottodimensionata rispetto alle altre Autorità di sistema, che grazie alla riforma hanno potuto ampliare molto negli ultimi anni il numero dei propri dipendenti".

De Simone cita anche qualche altro dato: «L'incremento del 20% dei croceristi in transito a Messina nel 2019 e la crescente attenzione delle compagnie croceristiche anche per il porto di Milazzo, dimostrata a Miami nel bellissimo stand condiviso con le Autorità di sistema portuali siciliane; il riconoscimento della Zona economiche speciali; l'approvando Piano regolatore portuale; i tanto attesi interventi di demolizione e di pulizia nella Zona falcata; le opere nel quartiere fieristico e il bando per il nuovo terminal crociere e tanto altro ancora. Lascio al mio successore - ribadisce De Simone - un Ente sano ed efficiente che, come ho avuto modo di ripetere in questi anni, rappresenta un valore aggiunto imprescindibile per tessuto economico messinese».

Intanto nelle prossime settimane si dovrebbe conoscere l'esito delle procedure riguardanti la nomina del nuovo presidente dell'Autorità di sistema dello Stretto, Mario Mega, al quale il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Danilo Toninelli ha affidato l'incarico. Ma il neopresidente, prima di insediarsi, dovrà aspettare il consenso dei presidenti delle due Regioni interessate, Oliverio e Musumeci, e non è un consenso scontato. Anzi, i governatori della Calabria e della Sicilia sembrano intenzionati a non dare il proprio assenso a questa nomina, in evidente polemica con il Governo nazionale.

Leggi la versione integrale dell’articolo su Gazzetta del Sud – edizione Messina in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook