Sabato, 16 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Messinambiente, dal crac al rinvio: i possibili scenari
LA SOCIETA'

Messinambiente, dal crac al rinvio: i possibili scenari

di

La bomba di Messinambiente potrebbe essere di quelle a scoppio ritardato. La convocazione della società per il prossimo 7 novembre suona come il preludio alla dichiarazione di fallimento, perché a leggere l'ultimo provvedimento del giudice delegato sembrano esserci pochi margini di manovra per evitare il crac.

Una volta che il primo creditore per valore economico, l'Agenzia delle Entrate, ha preferito rinunciare all'offerta di circa 17 milioni di euro, sui 56 milioni che deve avere, il piano concordatario sul quale si lavora da anni non ha più possibilità di essere approvato.

Come si legge sulla Gazzetta del Sud in edicola oggi, si aprono a questo punto una serie di scenari. La società sarà chiamata in tribunale ad esprimere la propria volontà sul futuro del concordato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook