Mercoledì, 01 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura La Messina d’un tempo nel “Sommario” di Matilde Oddo
IL VOLUME

La Messina d’un tempo nel “Sommario” di Matilde Oddo

di
Messina, Cultura

Nel 1897, l’editore-libraio messinese Giuseppe Principato pubblicò un “Sommario della storia di Messina dalla sua fondazione ai giorni nostri”, autrice Matilde Oddo Bonafede, triestina di quasi sessant’anni. Il libro - 472 pagine con molta cura stampate dalla Tipografia del Progresso di Letterio De Giorgio - destò dapprima soprattutto curiosità. La Oddo Bonafede intanto non vantava radici nella città dello Stretto, nel cui passato, si diceva, “non avrà avuto modo d’indagare a sufficienza”. E poi, non sembrava proprio che lei fosse particolarmente impegnata nel dibattito storiografico piuttosto vivo negli anni di fine Ottocento. Che si trattasse invece di un’opera niente affatto improvvisata e superficiale, lo si capì ben presto. Quel Sommario si rivelò insomma di notevole livello, documentato a dovere e denso di contenuti, tutt’altro che pretenzioso nella forma, di facile e piacevole lettura.

Il vivo interesse di Matilde per la nostra città e la sua storia non tardò a fiorire da quando, nell’ultimo decennio dell’Ottocento, lei vi si stabilì col marito Giacomo Oddo Bonafede, patriota palermitano, scrittore e docente, chiamato appunto ad insegnare letteratura italiana nella messinese Scuola normale femminile. Divenne presto frequentatrice abituale della Libreria “Maurolico” di Giuseppe Principato, privilegiato luogo di incontro degli intellettuali cittadini; e fu lì accolta con tutto rispetto. Aveva già pubblicato libri vari di buon livello, per esempio la Divina Commedia di Dante per le scuole elementari superiori, Studio intorno a Lorenzo dei Medici, Tommaso Campanella, Guida della città dell’Aquila. Per la sua storia di Messina consultò il Maurolico, il Buonfiglio Costanzo, il Samperi, specialmente il Reina e il Gallo. Letture sue consuete erano le pagine del Muratori, di Michele Amari, di Carlo Botta, di Giuseppe La Farina.
Bisogna pur dire che il libro di cui discutiamo non è esente da carenze sotto il profilo strettamente scientifico. Ma per lei questo contava poco, la sua voleva essere una “storia popolare”, senza troppe pretese quanto a rigore scientifico: intendeva anzitutto “portare la storia della città in mezzo al popolo messinese”, per educare gli animi - diceva - “all’amor della Patria”. Stava dalla parte di color che giudicavano fondamentale, negli interessi della nazione, l’acculturazione delle cosiddette classi subalterne. Notevole infine il variopinto quadro, e affettuoso, della Messina di fine secolo: “…la via del porto è sempre viva di traffico, e per la sua bellezza forse unica tra le città di mare; la via Garibaldi è una delle più belle ed allegre d’Italia; la via Cavour è frequentata per i suoi ricchi negozi; le piazze del Duomo e del Municipio, la villa Mazzini e il Giardino a mare sono geniali ritrovi della cittadinanza che va a godersi l’illuminazione e la musica; il commercio e il movimento del porto non sono, in verità, quel che furono in altri tempi, ma l’Amministrazione comunale, trovata esattissima ad un’ultima ispezione, veglia, e dispone d’un corpo di vigili urbani, d’un ufficio d’arte, d’un ufficio sanitario, di un macello”.
Ed ancora: “La carità messinese si manifesta in diversi istituti di beneficenza pubblici e privati, efficiente è la pubblica istruzione, sono numerose le associazioni creative e culturali, c’è un museo pubblico con pinacoteca ed una ricca biblioteca dell’Università”. Però, ahimè, v’è pure un’ombra. E la pur benevola triestina non può ignorarla: “a Messina manca l’acqua, manca la quantità e la bontà dell’acqua potabile , quale è dovuta per l’igiene e reclamata dal popolo tutto”.
Ormai quasi introvabile nel mercato antiquario e tuttavia ambito dai bibliofili, il Sommario della storia di Messina della Oddo Bonafede è stato riproposto circa trenta anni fa dal compianto editore Michele Intilla in un’ottima ristampa anastatica; corredata di cinquanta illustrazioni a piena pagina selezionate da Giovanni Molonia, che ha firmato anche una appropriata e attenta introduzione, rendendo omaggio a Matilde Ferluga Fentler, sposata Bonafede, studiosa triestina appassionata della nostre memorie patrie.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook