Giovedì, 27 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Letteratura, ai “fantasmi” della messinese Nadia Terranova il premio Alassio
SABATO LA CERIMONIA

Letteratura, ai “fantasmi” della messinese Nadia Terranova il premio Alassio

di

«Lo hanno votato gli italiani all'estero e questa per me è la cosa più bella, pari con il passaggio di testimone dell'autore di uno dei libri più belli di questi anni, che ha vinto la scorsa edizione»: a parlare è la vincitrice della venticinquesima edizione del Premio Alassio Centolibri, la scrittrice messinese Nadia Terranova, e il vincitore di cui idealmente ha preso il testimone è un altro siciliano, il palermitano Roberto Alajmo, che lo scorso anno aveva vinto con “L'estate del ‘78” (Sellerio).

Un altro segnale del momento magico che la letteratura del nostro Sud, e della Sicilia in particolare, sta vivendo (proprio in queste settimane, in vetta a tutte le classifiche c'è la trapanese Stefania Auci, con “I leoni di Sicilia”, la saga dei Florio uscita per l'editrice Nord, e la messinese Alessia Gazzola ha appena vinto il Premio Bancarella). Una stagione di cui Nadia Terranova, che con il suo bellissimo “Addio fantasmi” (Einaudi) è arrivata nella cinquina dello Strega, è una delle principali protagoniste.

Il suo romanzo, ambientato a Messina - ma una città il cui immaginario appare ridisegnato e rimappato, attraverso la vicenda della quarantenne Ida, che torna nella casa natale a chiudere vecchi conti con i “suoi” fantasmi della perdita, del dolore, della vita sospesa attorno a una ferita originaria - continua a mietere successi, in una tournée praticamente interminabile in tutta Italia. Proprio in questi giorni è tornata nella sua Sicilia, per un miniciclo di incontri a due assieme a un'altra scrittrice, Elena Stancanelli (finalista dello Strega 2016 con “La femmina nuda” e autrice del recente “Venne alla spiaggia un assassino”, La Nave di Teseo), su un tema fascinosissimo: il mare raccontato al femminile. Un mare che trama profondamente l'identità, che per Nadia è sempre lo Stretto: «Io sono messinese, anzi “strettese”», rivendica con orgoglio.

La cerimonia di premiazione è fissata per sabato - nel corso di una serata che sarà presentata da Gerry Scotti - ad Alassio dove Nadia Terranova era stata a luglio a presentare il suo romanzo, intervistata dal professor Alberto Beniscelli.

Il premio è molto particolare e prestigioso: dopo la prima selezione di una giuria tecnica, infatti, a decretare il vincitore sono gli italianisti delle più importanti università europee. Entrambe le giurie sono state presiedute da Ernesto Ferrero, a lungo direttore del Salone del libro di Torino.

Nella rosa finale c'erano, oltre a Nadia, altre due finaliste dello Strega (che quest'anno ha avuto una cinquina a prevalenza femminile): Benedetta Cibrario, col “Il rumore del mondo” (Mondadori), e Claudia Durastanti, con “La straniera” (La Nave di Teseo). Assieme a loro Pier Paolo Giannubilo, con “Il risolutore” (Rizzoli), Guido Conti, con “Quando il cielo era il mare e le nuvole balene” (Giunti), e Marino Magliani, con “Prima che te lo dicano altri” (Chiarelettere). Un livello molto alto, che rende ancora più lusinghiera l'affermazione di Nadia. La “strettese” della letteratura.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook