Sabato, 28 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ha insultato la collega in udienza: scatta la censura per un avvocato di Messina
IL FATTO

Ha insultato la collega in udienza: scatta la censura per un avvocato di Messina

di
Ha usato frasi del tipo “io non le alzo le mani picchì è fimmina”, tradotto parzialmente “perché è femmina”, oppure “a iettu du baccuni”, tradotto “la getto dal balcone”, ed ancora “questa non la sopporto”, “a lei non faccio vedere niente”, se perdo la pazienza ti dugnu un tumpuluni”,

Insulti sessisti e frasi ingiuriose ad una collega avvocata durante la trattazione di una causa di lavoro, in tribunale, davanti al giudice e a diversi testimoni che hanno ascoltato tutto.
Frasi del tipo “io non le alzo le mani picchì è fimmina”, tradotto parzialmente “perché è femmina”, oppure “a iettu du baccuni”, tradotto “la getto dal balcone”, ed ancora “questa non la sopporto”, “a lei non faccio vedere niente”, se perdo la pazienza ti dugnu un tumpuluni”, tradotto sempre per i puristi “se perdo la pazienza ti do uno schiaffone”, che non rende certo bene come il vernacolo magari gesticolando un po’.
Insomma un vasto campionario di un comportamento ben fuori dalle regole che ha portato ad una decisione sanzionatoria nei confronti di un noto avvocato 75enne, il quale ha avuto irrogata la sanzione della censura da parte del Consiglio distrettuale di disciplina forense, presieduto dal collega Francesco Cacciola.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook