Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, siglato l’accordo tra Inps e Tribunale. Gli uffici di via Capra aperti a breve
GIUSTIZIA

Messina, siglato l’accordo tra Inps e Tribunale. Gli uffici di via Capra aperti a breve

di
Al 3° e al 4° piano saranno sistemati gli uffici del Giudice di pace e quelli del Tribunale del lavoro di primo grado

Il primo passo è fatto. Dopo decenni di chiacchiere a vuoto. E mettendo, forse definitivamente, la parola fine in coda alla pagina vergognosa del palazzo di giustizia satellite mai realizzato.

Ieri mattina la presidente del Tribunale Marina Moleti e il direttore regionale dell’Inps Sergio Saltalamacchia, hanno firmato l’atto con cui il 3° e il 4° piano dello stabile di via Capra, di proprietà dell’ente, vengono ceduti in affitto all’amministrazione della giustizia. Si tratta di uffici già risistemati, arredati e cablati, quasi pronti ad entrare in funzione, grazie ai lavori che in questi mesi sono stati portati avanti dal direttore provinciale dell’Inps Marcello Mastrojeni. In questi due piani “nuovi di zecca” saranno allocati gli uffici del Giudice di pace e quelli del Tribunale del lavoro (il primo grado). Per chi in questi anni ha dovuto frequentare i vecchi uffici del Giudice di pace sarà la liberazione da un vero incubo giornaliero, non è affatto un’esagerazione.

Moderatamente soddisfatta ieri mattina la presidente Moleti, che abbiamo incontrato nel suo ufficio di Palazzo Piacentini: «È un primo passo che non risolve tutti i problemi logistici degli uffici giudiziari messinesi, ma è un prima passo importante perché elimina una situazione di forte disagio di lavoratori, avvocati, magistrati e dei cittadini, i quali per anni hanno dovuto operare in locali assolutamente inadeguati e insicuri».
È ottimista per il futuro?
«Se chiudiamo il cerchio con le altre opzioni in campo, intendo l’ipotesi di acquisire l’intero palazzo di via Capra, e quelli della Cassa di Risparmio e del Banco di Roma, si potrebbero eliminare tutti i fitti passivi, archivi compresi, che ammontano a circa un milione di euro all’anno».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook