Mercoledì, 07 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, la Giunta saluta Gallo e Musolino
PALAZZO ZANCA

Messina, la Giunta saluta Gallo e Musolino

di
Un week-end di scelte non facili per il sindaco che dovrà nominare i sostituti dei due assessori eletti alla Camera e al Senato. Basile chiamato a riorganizzare parzialmente anche i vertici delle società partecipate. E oggi, nell’auditorium Ses, per la puntata inaugurale di “Scirocco”, racconterà i suoi primi cento giorni

Hanno svolto, entrambi, un ruolo prezioso all’interno delle due Giunte “gemelle”, quella guidata da Cateno De Luca e l’attuale, con sindaco Federico Basile. Per questo, la sostituzione non è facile. Francesco Gallo, neodeputato, al di là delle deleghe allo Sport e agli Spettacoli, ha svolto un ruolo di raccordo politico, che ha acquisito ancor più rilevanza nel momento delle dimissioni di De Luca, al punto che Basile lo ha designato, tra la sorpresa generale, vicesindaco. Un ruolo politico che adesso dovrà intestarsi lo stesso primo cittadino, perché non ci sono nell’esecutivo comunali altri assessori con la stessa caratteristica di Gallo. E Dafne Musolino, che farà il suo ingresso a Palazzo Madama da senatrice, ha retto le sorti di settori particolarmente complicati, come l’Ambiente (cioè l’Igiene cittadina) e il Commercio e le Attività produttive (con annesso il fronte caldo dei mercati rionali), ma anche la Polizia municipale e il Contenzioso.
Ieri si è svolta la seduta di Giunta del saluto ai due assessori che vanno via. Niente malinconia, perché come ha sottolineato il sindaco, «i collegamenti con i neoparlamentari saranno strettissimi» e la città non potrà che beneficiare, secondo Basile, dell’impegno di Gallo e Musolino nella loro nuova veste. E oggi comincia il week-end delle riflessioni finali, che porteranno entro lunedì all’ufficializzazione dei nomi due nuovi assessori e alla rimodulazione delle deleghe. Nomi che, in queste settimane, sono circolati, come quelli di consiglieri comunali (Alessandro De Leo e Serena Giannetto in testa), di uomini come Salvo Puccio, che è sempre stato tra le colonne portanti del progetto De Luca, nelle sue multiformi attività, prima come presidente dell’Amam, poi come dirigente della Città metropolitana e come referente di tutti i progetti e gli investimenti in corso a Palazzo dei leoni. Nomi “esterni” come quello del presidente di Confcommercio Carmelo Picciotto, il quale da mesi ormai ha fatto una scelta di campo, in favore di De Luca e di Basile.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook