Martedì, 27 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Fallimento Demoter, condannato Carlo Borella. Otto le assoluzioni
IN APPELLO

Fallimento Demoter, condannato Carlo Borella. Otto le assoluzioni

di
Messina, Cronaca
L’imprenditore Carlo Borella

Si chiude con otto condanne, sette riduzione e una conferma, e altrettante assoluzioni, il processo d’appello scaturito dall’operazione “Buco nero” sul fallimento e la successiva bancarotta fraudolenta dell’impresa Demoter Spa. Era la società messinese del gruppo Borella che operava nel settore degli appalti pubblici edili e stradali, e che prima del clamoroso crac finanziario era divenuta un vero e proprio colosso internazionale con un giro d’affari annuo di 60 milioni di euro, riuscendo ad aggiudicarsi appalti di prestigio in Italia e all’estero.

La sentenza
La sentenza è stata emessa nel primo pomeriggio di ieri della prima sezione penale della corte d’appello presieduta dal giudice Alfredo Sicuro. È stato condannato a 5 anni e 4 mesi, rispetto ai 6 anni del primo grado, ed è sempre la pena più alta, il patron della Demoter Spa, il costruttore messinese Carlo Borella, che è stato anche presidente della sezione dell’Ance a Messina. Le altre pene decise in appello: sono stati condannati anche Claudio Borella (l’unica pena confermata rispetto al primo grado, a 3 anni e 4 mesi) e poi tutti a 2 anni, con la concessione delle attenuanti generiche ritenute prevalenti sull’aggravante contestata, Domenica Borella, Zelinda Borella, Letizia Borella, Patrizia Surace, Christian Mazzola e Manuela Mazzola.

In pratica secondo i giudici d’appello sono rimasti in piedi i due casi di bancarotta fraudolenta legati alle vicende delle aziende HB e Cubo-Bric, mentre sono stati ritenute non sussistenti le ipotesi di reato legate ai cosiddetti “affitti di rami” d’azienda dei capi D, E ed F, e un caso di bancarotta del capo G (in primo grado erano già “caduti” altri due reati, l’associazione a delinquere e il falso in bilancio).
Le assoluzioni totali che riguardano proprio questi ultimi quattro capi d’imputazione citati (D, E, F e G), sono decise con la formula «perché il fatto non sussiste», e hanno riguardato Federica Borella, Giuseppe Bottaro, Gianfranco Cucinotta, il pentito milazzese Biagio Grasso, che su questa vicenda ha raccontato agli inquirenti parecchie cose, e poi Agatino Spadaro, Sergio Zavaglia e Giosefatto Zimbè Zaire. Dagli stessi capi d’imputazione sono stati assolti anche gli altri imputati, ma per loro si tratta di assoluzioni parziali perché per i capi rimasti in piedi sono stati condannati.

Tutti i particolari nell'edizione cartacea di Messina domani in edicola

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook