Domenica, 26 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cosenza, sgozzò un maiale durante i BoCs art del 2015: tre mesi all'autore. Enpa soddisfatta
LA SENTENZA

Cosenza, sgozzò un maiale durante i BoCs art del 2015: tre mesi all'autore. Enpa soddisfatta

enpa, maiale sgozzato, Messina, Cronaca

L’“artista” che tra dicembre 2015 e gennaio 2016 a Cosenza mise in scena e poi fece uccidere pubblicamente, da due persone rimaste ignote ma da lui incaricate, un maiale nel corso di una manifestazione “culturale” a Cosenza, è stato condannato a tre mesi di reclusione, con sospensione della pena, e al pagamento delle spese processuali. “Si tratta di una sentenza epocale – afferma Carla Rocchi, Presidente nazionale Enpa – non tanto per la condanna in sé ma perché finalmente viene riconosciuto per il reato di uccisione di animali il ruolo e la responsabilità del mandante, così come già avviene per il reato di omicidio. Questa sentenza afferma forte e chiaro che gli animali, non solo quelli di affezione, sono esseri viventi che vanno rispettati e tutelati e che l’uomo non può disporne a piacimento, infliggendo loro sofferenze atroci, giustificandole con la necessità di rappresentare presunte tradizioni declinate in chiave culturale e artistica. Non c’è niente di culturale e di artistico in tutto questo: è stato un fatto di sangue ed è giusto che il responsabile paghi”. Il dispositivo di sentenza, pur essendo prescritto il capo di accusa relativo alla macellazione abusiva, ha riconosciuto l'imputato colpevole del reato di animalicidio, in concorso con due individui non identificati, nella qualità di concorrente morale, senza che ve ne fosse alcuna necessità, dell'uccisione del maiale, condannandolo a mesi tre di reclusione (pena sospesa), al pagamento delle spese processuali e al risarcimento del danno in favore di Enpa, parte civile, da quantificarsi in sede civile.

L'episodio

I fatti risalgono al periodo tra dicembre 2015 e gennaio 2016. L’“artista”, all’interno della manifestazione dei BoCs Art di Cosenza, aveva ideato l’esecuzione pubblica del maiale, realizzata con il pretesto “culturale” di “raccontare la tradizione calabrese”. Contro il povero animale fu prima esploso un colpo di pistola e subito dopo il maiale fu sgozzato. Una scena macabra, per giunta ripresa in video.

L’Ente Nazionale Protezione Animali ha denunciato prontamente i fatti alla Procura della Repubblica tramite l’avvocato Claudia Ricci.  Dopo la prima iscrizione dell’uomo nel registro degli indagati, è stata successivamente chiesta l’archiviazione. Enpa si è opposta alle motivazioni della richiesta di archiviazione richiedendo indagini approfondite. E il Gip, in sede di udienza di opposizione, ha dato ragione a Enpa rinviando a giudizio l’ “artista” aprendo il processo ove Enpa si è costituita parte civile anche con l’ausilio dell’avvocato Maurizio Vetere della Rete Legale Enpa a Cosenza.

“Le motivazioni della sentenza – afferma Claudia Ricci, avvocato Enpa -saranno pubblicate tra 80 giorni e allora si potrà comprendere come il giudice sia giunto alla condanna. Oggi però quello che è chiaro, innovativo ed evolutivo a livello giurisprudenziale, è che finalmente ci sono sempre più similitudini tra i reati di omicidio e quello di animalicidio. Questa sentenza riconosce la figura del "concorrente morale" nella commissione di un reato a danno di animali, ovverosia colui che, pur non eseguendo materialmente il reato, ha coscienza e volontà del fatto criminoso, in altre parole il mandante. La giurisprudenza ci dice che a livello scientifico l’animale soffre perché ha un sistema neurologico e non è certo un caso che prima della macellazione dell’animale sia previsto lo stordimento. Non può più esistere che per il sollazzo artistico o qual si voglia ragione che non sia normata un animale venga ucciso e per altro con mille sofferenze”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook