Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cas di Messina, i sindacati: "Ente allo sbando". Confermati i 5 giorni di sciopero. La replica: "Attacchi scomposti"
AUTOSTRADE

Cas di Messina, i sindacati: "Ente allo sbando". Confermati i 5 giorni di sciopero. La replica: "Attacchi scomposti"

Lavoratori penalizzati e utenti su autostrade ridotte per larghe tratte a “trazzere” con pesanti problemi di sicurezza evidenziate dal Ministero.
Messina, Cronaca
Consorzio autostrade

"Il Cas resta un ente allo sbando - dichiarano le segreterie di Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti Ugl e SLA Cisal - strozzato dalla politica e dalla burocrazia ed in evidente crisi gestionale. Lavoratori penalizzati e utenti su autostrade ridotte per larghe tratte a “trazzere” con pesanti problemi di sicurezza evidenziate dal Ministero.

Di fronte a questa situazione siamo “costretti a scioperare” - continuano i sindacati - anche dopo l’odierno incontro tra le parti con cui la Prefettura su convocazione del vice capo gabinetto Cosimo Gambadauro , ha tentato di trovare una soluzione in extremis alle croniche problematiche che il Consorzio non riesce a risolvere e che vedono fortemente penalizzati 300 lavoratori , la funzionalità dell’ente e la stessa qualità e sicurezza delle autostrade siciliane . Non sono state sufficienti le rassicurazioni dei vertici del Cas , avanzate nella odierna riunione rappresentate dalla consigliera di amministrazione Chiara Sterrantino, dal direttore generale Salvatore Minardi ed il consulente avvocato Carmelo Matafù.

Il Cas secondo quanto dichiarato dai vertici si appresterebbe il prossimo mercoledì a predisporre le delibere necessarie per l’applicazione del contratto ai lavoratori, atti che poi dovranno passare al vaglio della Regione. Questi sindacati hanno tentato da marzo scorso di trovare una intesa con il Cas e oggi temiamo il ripetersi del solito corto circuito con la Regione che non ha consentito il dovuto riconoscimento economico e normativo del contratto delle Autostrade per i lavoratori e del fabbisogno organico dell’ente - continuano Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti Ugl e SLA Cisal - ma l’ente , divenuto economico dal febbraio 2021 , continua a mostrare la solita faccia del carrozzone succube della politica e della burocrazia regionale senza un piano industriale e un fabbisogno organico condiviso.

Gli unici interventi di gestione si rilevano a danno dei lavoratori e persino lesivi in questi giorni dei diritti di sciopero - concludono i sindacati - e per questo viene confermata l’azione di protesta proclamata a partire dal 1 ottobre che , alla luce dello stallo che riscontriamo, sarà solo l’inizio di un autunno caldo di proteste e denunce".

La replica del Consorzio Autostrade

Non si è fatta attendere la reazione della governance di Autostrade Siciliane, composta dal presidente avv. Francesco Restuccia, dalla vicepresidente avv. Chiara Sterrantino, dal consigliere arch. Sergio Gruttadauria e dal direttore generale ing. Salvatore Minaldi. “Crediamo che ogni singolo lavoratore di Autostrade Siciliane sia una figura basilare per l’Ente. Al netto delle governance che periodicamente si alternano, sono loro il perno su cui si è snodato il passato e rappresentano oggi il presente e il futuro dell’Ente. Questi, insieme al rispetto e alla tutela del lavoro e dei diritti ad esso legati, sono i motivi che ci hanno sempre portato ad avere un atteggiamento costruttivo nelle relazioni sindacali, anche a fronte di certe forme di belligeranza esercitate in modo fine a se stesse. Ad oggi nessuno può negare che ogni istanza ha sempre trovato accoglimento e interesse da parte di questa governance e, facendo nostre anche responsabilità che a volte non ci appartengono, continuiamo a lavorare al fine di trovare le soluzioni definitive che da decenni nessuna gestione aveva mai avuto il coraggio di cercare. Siamo vicini ad un risultato storico e quindi non possiamo che trovare inaccettabili forme di attacco scomposte e autolesionistiche che offendono anche la dedizione fin qui profusa. Ciò nonostante proseguiremo nel nostro impegno, anche a fronte di ogni difficoltà e lungaggine burocratica, al fine di operare il rilancio definitivo atteso da tutti e in particolare dai lavoratori e dagli utenti delle autostrade. E sempre nel rispetto di norme e sentenze vigenti”.

 

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook