Sabato, 16 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Quella mobilità nello Stretto per troppo tempo... immobile
SPIGOLATURA PANDEMICA

Quella mobilità nello Stretto per troppo tempo... immobile

di
Tra l'infrastruttura “stabile” il Ponte e quelle “dinamiche”, le unità navali, la terza via, l’attraversamento a nuoto, non è ancora contemplata. Tranne in gare e competizioni.

La definizione è di recente forgia: “Attraversamento dinamico”. Un’espressione marchiata cinquestelle, in forte contrapposizione a quel “collegamento stabile” da spostare avanti nel tempo. All’infinito. Un’antitesi che fa balzare alla mente la differenza tra Statica e Dinamica. La prima studia corpi e forze in equilibrio, la seconda le cause che ne determinano il movimento.

Ed ecco che il settore dei Trasporti scomoda la Fisica e una sua branca. Così, oggi, le due parti della Meccanica entrano in gioco nel dibattito inesauribile sugli “strumenti” per varcare lo Stretto: infrastruttura “stabile” il Ponte, “dinamiche”, invece, le unità navali. Pero’, si potrebbe ribaltare tutto: Ponte come attraversamento “dinamico”, visto che sarebbero (chissà quando) le auto e i treni a muoversi da una sponda all’altra, e collegamenti marittimi “statici”, poiché i mezzi gommati e quelli su rotaia rimanevano, rimangono e rimarranno fermi durante il passaggio dalla Sicilia alla Calabria e viceversa.

Ma l’importante, nel campo della Mobilita’, è garantire il diritto che l’accompagna. Un diritto calpestato per lunghi anni e che forse lo spauracchio del Ponte ha contribuito a riproporre. “Eppur si muovono”, pendolari e turisti, se li vedesse Galileo. Devono potersi muovere. La terza via, l’attraversamento a nuoto, non è ancora contemplata. Tranne in gare e competizioni

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook