Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, tre gruppi mafiosi a Provinciale: il sodalizio autonomo di Salvatore Sparacio
IN CASSAZIONE

Messina, tre gruppi mafiosi a Provinciale: il sodalizio autonomo di Salvatore Sparacio

di
Ordinanza in carcere nei confronti di Mario Alibrandi e Antonio Scavuzzo

Adesso arriva il sigillo della Corte di Cassazione. Nel rione di Provinciale esisteva una consorteria criminale autonoma e indipendente rispetto a quelle di Giovanni Lo Duca e Giovanni De Luca. Non era da meno il gruppo capeggiato da Salvatore Sparacio e formato anche da Antonio Scavuzzo e Mario Alibrandi. Uno spaccato criminale non di poco conto, che però non era stato riconosciuto dal gip Maria Militello nell’ordinanza di custodia cautelare relativa all’operazione denominata proprio “Provinciale”.

I giudici della Suprema Corte hanno rigettato i ricorsi di alcuni degli indagati, cosicché, nello specifico, è divenuta esecutiva l’ordinanza con cui il Tribunale del riesame aveva accolto l’appello del pubblico ministero della Dda Liliana Todaro riguardante proprio la presenza di un terzo sodalizio mafioso.

Conclusione alla quale erano giunte, tra le altre cose, le attività investigative condotte su input dell’Ufficio inquirente peloritano guidato dal procuratore Maurizio De Lucia. Per effetto della pronuncia della Cassazione, inoltre, la posizione di Scavuzzo e Alibrandi si è aggravata. Inquisiti per voto di scambio e intestazione fittizia di beni, reati che gli erano valsi gli arresti domiciliari, devono rispondere altresì di associazione di stampo mafioso (assieme ovviamente a Sparacio). Ragion per cui nei loro confronti è stata emessa una misura di custodia in carcere e sono stati rinchiusi nella casa circondariale di Gazzi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook