Lunedì, 30 Gennaio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ponte sullo Stretto, la partita non la decide il ministro
MESSINA

Ponte sullo Stretto, la partita non la decide il ministro

di
Alla Festa dell’Unità di Bologna ha ripetuto che è più fattibile l’opera a tre campate ma che bisogna studiare... Di quella commissione non faceva parte nessun ingegnere strutturista o esperto di ponti Intanto, Webuild realizza infrastrutture in tutto il mondo e insiste: «Pronti anche per lo Stretto»

La partita del Ponte sullo Stretto non è ancora finita, il risultato potrebbe anche non essere quello voluto da un Governo che continua a prendere, e perdere, tempo, su una questione che va affrontata e risolta una volta per tutte.

Tre giorni fa il ministro Enrico Giovannini ha parlato del collegamento stabile tra Sicilia e Calabria nel bel mezzo della Festa dell’Unità a Bologna. E ha ripetuto il ritornello più volte sentito in questi mesi: «C'è uno studio che ha analizzato diverse possibilità. Sul piano trasportistico la Commissione di esperti ha concluso che ci sarebbe un vantaggio nell'avere un Ponte e non i tunnel che sono stati scartati; che però l'attuale progetto, quello a una campata, non è praticabile se anche uno lo volesse attuare, e ha rilanciato l'idea di un Ponte a più campate, che ha una serie di vantaggi ma ha bisogno di una serie di analisi». Applausi, e qualche mugugno, nelle file del Pd, tra chi è convinto che il Governo abbia imboccato una strada giusta, “non ideologica”, e chi, più a sinistra, accusa Draghi e il suo ministro dei Trasporti di tirare in ballo ancora un’opera che Verdi e ambientalisti vedono peggio che un rogo di boschi o un’invasione di cavallette.

Ponte a una campata non praticabile? Ponte a tre campate più realizzabile ma ancora da studiare? Webuild, il colosso italiano del settore delle Costruzioni, non ci sta proprio. I suoi vertici, come testimoniano gli interventi dell’amministratore delegato Pietro Salini in tutto il 2021, continuano a dichiarare, al Governo e al Parlamento, di essere pronti a revisionare, modificare e aggiornare il progetto (quello del Ponte a una campata, altro che ipotesi diverse...) che era stato già appaltato al precedente Consorzio Eurolink, di cui facevano parte le imprese confluite in Webuild, cioè Impregilo e Salini. Perché dovrebbero avere ragione quegli esperti, della cosiddetta Commissione De Micheli (dal nome dell’ex ministra del Pd), tra i quali non c’era neppure un ingegnere strutturista, un ingegnere progettista di Ponte, un ingegnere siciliano o calabrese?

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook