Lunedì, 18 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Milazzo: “disertate” le strisce blu, stracolme le aree gratuite
IL CASO

Milazzo: “disertate” le strisce blu, stracolme le aree gratuite

Si preferisce parcheggiare senza pagare... In vista l’istituzione di nuove zone con ticket

Weekend di ferragosto all’insegna del pienone sia nella zona balneare di Ponente, sia nella cortina del porto, ma molti automobilisti, più locali che turisti, hanno dimostrato (e dimostrano) intolleranza al pagamento del ticket per la sosta nelle strisce blu e così molti stalli, anche in zone ritenute appetibili, sono rimasti vuoti. Per recarsi in spiaggia è stato letteralmente invaso il terrapieno, dove il divieto fissato con ordinanza sindacale vale da mezzanotte alle sei del mattino, ma per il resto della giornata tutto è... consentito. L’area è demaniale e ci sarà un problema di competenze sino a quando non sarà fatta chiarezza. Di sicuro non è una bella immagine! Stesso discorso per la zona di Levante, dove la via Tonnara è invasa di autovetture. Va meglio nella cortina del porto e in altre zone del centro grazie ai nuovi vigili la cui presenza è davvero importante sia per la prevenzione che per la repressione visto che numerose sono state le multe elevate. Non c’è dubbio che dopo quasi sei anni di assenza, il ritorno della sosta a pagamento, ormai operativa in tutte le località turistiche e non per assicurare un miglioramento della viabilità specie in assenza di grandi aree di sosta, sta condizionando l’apprezzamento del servizio.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook