Mercoledì, 22 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Trasporti nello Stretto di Messina, nuova diffida
SICUREZZA

Trasporti nello Stretto di Messina, nuova diffida

di
Mancano totalmente le condizioni di sicurezza per chi attraversa il braccio di mare a bordo dei treni passeggeri nelle navi. Rete civica per le infrastrutture ha presentato un esposto all’autorità giudiziaria. E il Ministero, intanto, giudica il peggiore treno d’Italia l’Intercity Milano-Palermo

Un ministero, quello delle Infrastrutture, che “premia” l’Intercity Milano-Sicilia come «il peggiore treno d’Italia». Un ministro, Federico D’Incà, con delega ai Rapporti al Parlamento, che fa i conti alla Pedemontana veneta e certifica che il suo costo, quando sarà completata, di fatto è pari a due o tre Ponti sullo Stretto. Il Rapporto Svimez che passa quasi “inosservato” (nessun politico o quasi lo ha commentato...), pur certificando la drammatica realtà di un’Italia sempre più divisa, con il Nord che è già pronto a ripartire e il Sud che, anche a causa delle scelte contenute nel Pnrr, rischia la definitiva emarginazione. E la Sicilia, “costretta” a farsi approvare, in sede di Conferenza delle Regioni, il riconoscimento della condizione di insularità nella programmazione europea, visto che proprio la condizione di insularità costa complessivamente sei miliardi di euro l’anno, come una tassa di 1.200 euro che grava su ogni siciliano.
Sono temi cruciali, che riguardano il presente e il futuro anche dello Stretto di Messina, in attesa dell’audizione – fissata alle ore 8,30 del 4 agosto – del ministro dei Trasporti Enrico Giovannini davanti alle Commissioni congiunte di Camera e Senato sulla questione dell’attraversamento stabile, cioè sul Ponte.
Il dossier sui treni, come riferito da “Repubblica”, è desolante: l’Intercity che collega Milano con Siracusa e Palermo è il simbolo del disastro infrastrutturale che l’Isola paga, per scelte scellerate della politica nazionale. L’indice di puntualità è sceso di quasi dieci punti in percentuale, la pulizia e la qualità del servizio non sono degni di un Paese civile. E non c’era bisogno che lo accertasse il ministero, i siciliani che viaggiano, conoscono benissimo le condizioni dei convogli ferroviari.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook