Martedì, 17 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Centri comunali di raccolta rifiuti: la provincia ionica di Messina a bocca asciutta
AMBIENTE

Centri comunali di raccolta rifiuti: la provincia ionica di Messina a bocca asciutta

di
Niente fondi per Letojanni, Castelmola, Forza d’Agrò e Itala
centro raccolta rifiuti, santa teresa riva, Messina, Cronaca
Il terreno al fianco del Centro di raccolta rifiuti di Santa Teresa di Riva

Sono strutture ormai fondamentali per migliorare le performance in materia di raccolta differenziata e implementare i servizi in favore dei cittadini, ma ancora la loro diffusione non è capillare sul territorio oppure esistono ma non sono adeguatamente proporzionati al bacino di utenza. Stentano ancora a decollare i Centri comunali di raccolta rifiuti nel comprensorio ionico, dove di recente ne è stato perfino chiuso uno, quello dell’Ato Me4, a Furci Siculo, a causa del passaggio della gestione del sistema alla Srr Messina Area Metropolitana. Un’ottima opportunità per realizzarne di nuovi, o ampliare gli esistenti, è stata data da un bando del Po-Fesr Sicilia 2014-2020 pubblicato dalla Regione, che ha stanziato 21,4 milioni di euro a valere sui fondi europei dell’Azione 6.1.2 (“Realizzare i migliori sistemi di raccolta differenziata e un’adeguata rete di centri di raccolta”) per la concessione di agevolazioni in favore di Comuni, anche nelle forme associative regolarmente costituite (Ambiti di raccolta ottimali), per la realizzazione e/o ampliamento/potenziamento/adeguamento dei Centri comunali di raccolta. Un centinaio i Comuni siciliani che hanno tentato di accedere ai fondi, trenta sono stati ammessi ma nella zona ionica non è stata accolta nessuna istanza.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook