Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Messina, mai più i 5mila minori in baracca

Un dato che spesso si trascura: la maggior parte della popolazione nelle “favelas” è costituita da bambini

Intere generazioni di bambini sono cresciute nei tuguri di Messina

Si è parlato troppo di Recovery Fund e troppo poco di Masterplan? Si esulta per l’annuncio di nuovi finanziamenti, ma c’è il rischio concreto di perdere per strada le somme già acquisite? Il risanamento delle baraccopoli è un fronte di vitale importanza per la riqualificazione urbana di una delle tredici più importanti Città metropolitane d’Italia, ma tutto il resto? La nota del segretario provinciale del Pd Nino Bartolotta è stata come una miccia che ha acceso il dibattito, al quale non si sottrae il sindaco metropolitano. Cateno De Luca definisce «insolito» e «superficiale» il grido d’allarme lanciato da Bartolotta ma nello stesso tempo ribadisce di essere pronto, «sempre e in qualsiasi momento», a confrontarsi con il Pd e con tutte le forze politiche che intendano farlo.
In ogni caso, prima di entrare nel merito dei contenuti, va sottolineato un dato, proprio nel giorno della visita a Messina della ministra Carfagna: quella per il Risanamento è davvero la «madre di tutte le sfide», nel momento in cui si riuscirà a dare una casa dignitosa a quei cinquemila minori che costituiscono la fetta di popolazione più diffusa, tra gli ottomila baraccati censiti. Un dato su cui spesso non ci si sofferma, dandolo quasi per scontato.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

Caricamento commenti

Commenta la notizia