Venerdì, 17 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pensionata travolta da un treno a Reitano, l’autopsia non svela le cause dell'incidente
DUBBI DA DISSIPARE

Pensionata travolta da un treno a Reitano, l’autopsia non svela le cause dell'incidente

di
Bisognerà attendere 60 giorni per l’esito degli esami clinici
autopsia, pensionata travolta treno, reitano, Messina, Cronaca
L'obitorio del Policlinico di Messina

L’autopsia sul cadavere dell’ottantasettenne di Caronia Marina, deceduta per un tragico impatto con un treno, non ha fugato i dubbi sulle cause di quanto accaduto, martedì sera scorso, lungo i binari della linea ferrata Messina-Palermo, in località Villa Margi, a Reitano, tra le stazioni di Santo Stefano di Camastra e Tusa. L’esame autoptico, svoltosi a Messina dopo che la salma era stata portata all’obitorio del Policlinico, stabilirà i risultati definitivi entro i canonici sessanta giorni e il dubbio resta. Ecco perché le indagini, coordinate dalla Procura di Patti che ha aperto una inchiesta, e condotte dai carabinieri della Compagnia di Mistretta, continuano. L’aspetto principale sul quale gli inquirenti vertono l’attenzione è come e perché una donna di 87 anni, affetta dal morbo di Parkinson, ha potuto tranquillamente uscire dalla casa di riposo “Residenza del mare”, dove si trovava ospite da alcuni anni e raggiungere la vicina linea ferrata forse dopo avere anche superato una recinzione di non alta quota.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook