Mercoledì, 20 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, la pandemia “taglia” 3.600 posti di lavoro
CORONAVIRUS

Messina, la pandemia “taglia” 3.600 posti di lavoro

di
I dati della Camera di Commercio fotografano la situazione nel 2020, ma la vera crisi potrebbe arrivare quest’anno
coronavirus, messina, posti di lavoro, Messina, Cronaca
La Camera di commercio di Messina

È una ferita che sanguina quella aperta dal covid nell’economia del messinese. Le cicatrici, quando si formeranno, saranno indelebili in tutta questa generazione di imprenditori e commercianti. I dati che la Camera di Commercio ha sviluppato a consuntivo del 2020, confermano alcune sensazioni e ne smentiscono altre. I nove mesi di lockdown, nelle varie modulazioni, in provincia di Messina non hanno affatto portato alla sparizione di aziende, anzi al contrario il saldo è positivo. Ma hanno avuto come effetto immediato quello della perdita di migliaia di posti di lavoro. Il Covid, per la precisione, si è portato via 3.645 addetti delle aziende del messinese. Il 3% della forza lavoro del 2019 non ha trovato occupazione l’anno scorso.

Un dato che ha cancellato i passi in avanti registrati due anni fa e che ha impoverito le famiglie costrette a far ricorso a tutti i sussidi messi a disposizione dallo Stato e dagli enti locali. Dei 3.645 lavoratori persi l’anno scorso, 2.009 sono della città di Messina (si è passati da 45.303 del 2019 ai 43.294 del 2020) che veniva da un saldo di +846 dell’anno precedente. E tutto questo è avvenuto in un periodo in cui sono previsti il blocco dei licenziamenti e una larga cassa integrazione. Due paracadute senza i quali i numeri sarebbero ben più tristi.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook