Sabato, 25 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Spaccio a Barcellona, la Cassazione annulla la condanna di Giuseppe Cannistrà
LA SENTENZA

Spaccio a Barcellona, la Cassazione annulla la condanna di Giuseppe Cannistrà

La condanna è stata annullata con rinvio alla Corte d’appello di Reggio Calabria quella a carico del fratello Carmelo e della madre Antonina Mazzeo.

La Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio la sentenza di condanna ai danni di Giuseppe Cannistrà e con rinvio alla Corte d’appello di Reggio Calabria quella a carico del fratello Carmelo e della madre Antonina Mazzeo.
Il 22 gennaio 2019, i carabinieri hanno eseguito una perquisizione nell’abitazione dei due fratelli, a Barcellona. Cercavano armi e invece hanno trovato cocaina, marijuana e denaro ritenuto frutto dell'attività di spaccio.

Da qui l’arresto di entrambi e della madre. Poi le condanne ai Cannistrà alla pena di 6 anni e di Mazzeo a 4 anni. La Corte di Appello di Messina ha sostanzialmente confermato la sentenza di primo grado ribadendo con forza che l'attività di spaccio accertata non potesse ritenersi di lieve entità. Adesso il responso della Suprema Corte. Impegnati nella difesa gli avvocati Alessandro Trovato, Ernesto Marciano’ e Carmen Zarcone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook