Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

Avvocato arrestato a Taormina, il gip: denaro intascato senza controlli e nel silenzio dei dipendenti

di

L'avvocato Francesco La Face, 60 anni, incaricato da Palazzo dei Giurati della riscossione dei canoni idrici, «ha reiterato» negli anni la condotta illecita, certo dell'impunità all'interno dell'ufficio comunale, in quanto ha saputo comprare il silenzio del dirigente» Giovanni Coco, 67 anni.

Così il gip Maria Militello, scrive la Gazzetta del Sud in edicola, motiva gli arresti domiciliari eseguiti dalla Guardia di finanza nell'ambito dell'operazione “AcqueWin”. Secondo il giudice, inoltre, il pericolo di ripetere i delitti «è più che attuale», in quanto «le condotte si sono snodate in un lasso temporale piuttosto ampio».

A ciò si aggiunge «il pericolo di inquinamento probatorio», visto che l'indagato «è riuscito ad avere la complicità di alcuni utenti» che, convocati dagli investigatori, «lo hanno preventivamente avvisato». E La Face, fuori dal proprio studio, «ha concordato la versione dei fatti che avrebbe dovuto fornire».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook