Lunedì, 14 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
SECONDO NEL MESSINESE

Emergenza capodogli in Sicilia, esemplare morto a Stromboli: è il quinto caso in una settimana

capodoglio spiaggiato, isole eolie, stromboli, Messina, Sicilia, Cronaca
Foto archivio

La nuova emergenza in Sicilia riguarda i capodogli. Un altro esemplare, di circa 6 metri e in stato di decomposizione, è stato trovato a 4 miglia al largo di Stromboli, nelle Eolie: si tratta della quinta carcassa rinvenuta in Sicilia in appena una settimana.

«La quantità di plastica trovata nei capodogli non può giustificare la morte - sostiene Carmelo Isgrò del museo della fauna dell’università di Messina - La causa va cercata altrove: forse un’infezione o interazioni con i sonar». Fatto sta che in pochi giorni le coste siciliane hanno fatto da cimitero a cinque cetacei.

Il primo ritrovamento a Cefalù, lo scorso 17 maggio: una femmina di 6 metri e mezzo morta sulla spiaggia e con lo stomaco pieno di plastica. Poco dopo, a Palermo, la scoperta di un secondo esemplare spiaggiato: un'altra femmina, anch'essa con del materiale plastico all'interno ma non in quantità tale da giustificarne la morte.

Nel Messinese, sulla spiaggia di Capo Calavà a Gioiosa Marea, è stato invece trovato un esemplare maschio: nel suo caso non vi era però traccia di plastica all'interno della pancia ed è ancora mistero su cosa possa averne causato il decesso.

Al largo di Favignana, nel Trapanese, il quarto capodoglio avvistato: un esemplare di 7 metri in avanzato stato di decomposizione. Oggi il quinto caso vicino all'isola di Stromboli, l'ultima di una serie di morti a cui al momento non si riesce a dare una spiegazione convincente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook