Lunedì, 27 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lapidi e oggetti funerari nel torrente, i carabinieri di Messina sequestrano un'ampia area
INQUINAMENTO

Lapidi e oggetti funerari nel torrente, i carabinieri di Messina sequestrano un'ampia area

di

Lapidi di defunti risalenti anche agli inizi del millennio, portafiori in marmo, resti di tumulazione, materiale edile usato per ornare alcune tombe e davvero tanto altro.

È questo quanto, ieri mattina come riporta la Gazzetta del Sud in edicola, grazie alla segnalazione di un cittadino del posto che stava recandosi nel suo appezzamento di campagna, hanno rinvenuto i carabinieri della stazione di Santo Stefano Medio nell'alveo del torrente Santo Stefano all'altezza di contrada Battindieri, a Messina.

Sul posto, scattato l'allarme, sono intervenuti i militari dell'Arma che hanno immediato avvisato dell'accaduto l'autorità giudiziaria e provveduto a recintare la zona poi sottoposta a sequestro penale.

I carabinieri hanno anche immediatamente avviato le indagini visto che non sarà difficile risalire a chi, con ogni probabilità, si è reso responsabile dell'accaduto.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook